mercoledì 22 febbraio | 02:41
pubblicato il 31/ago/2011 21:31

Referendum/ Di Pietro: Ora ai banchetti i big che hanno firmato

Cognomi blasonati non bastano,servono 500mila adesioni in un mese

Referendum/ Di Pietro: Ora ai banchetti i big che hanno firmato

Roma, 31 ago. (askanews) - "Appello accorato" dal leader Idv Antonio Di Pietro "a tutte le personalità che avendo visto che riusciamo a raccogliere le firme vengono ora firmare anche loro" affinchè oltre alla personale sottoscrizione effettuata scendano in piazza da qui a fine mese per raccogliere le firme dei cittadini mancanti per il deposito in Cassazione del quesito che abroga l'attuale legge elettorale, ripristinando i collegi uninominali. Noi - ha affermato Di Pietro all'indomani di sottoscrizioni eccellenti del Pd come Romano Prodi e Walter Veltroni- li ringraziamo per le loro 'firme del giorno dopo'. Entro il 30 settembre, però, c'è bisogno di raccogliere almeno 500 mila firme: non solo delle loro blasonate. Per cui, che ne dite signori e signore personalità se invece che firmare soltanto venite anche insieme a noi in mercati, piazze, strade a raccogliere le altre 499 mila...?".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Pd
Pd, Emiliano: non faccio a Renzi il favore della scissione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia