venerdì 24 febbraio | 03:25
pubblicato il 04/giu/2011 19:18

Referendum/ Di Pietro: Non sono elezioni politiche camuffate

Servono a elettori maggioranza che dissentono da loro partiti

Referendum/ Di Pietro: Non sono elezioni politiche camuffate

Roma, 4 giu. (askanews) - I referendum non sono elezioni politiche e non si fanno per dividere i cittadini fra sostenitori della maggioranza e dell'opposizione: Antonio Di Pietro lo afferma in un testo pubblicato sul suo blog personale. "Cari Cittadini italiani, vi scrivo questa lettera aperta - dice il leader dell'Idv - per chiarire alcune considerazioni sui referendum visto che i Tg delle reti private e pubbliche stanno facendo ostruzionismo, nonostante l'invito dell'Agcom a trattare i temi dei quesiti". "Certo, i referendum - ammette l'ex pm - si fanno per abrogare leggi che sono state varate da una maggioranza parlamentare, la stessa che sostiene il governo. E' dunque evidente e logico che governo e maggioranza sperano che i referendum non passino, facendo carte false per non far raggiungere il quorum, e ancora adesso, a una settimana dal voto, scelgono la più totale ipocrisia. Da una parte Berlusconi giura che accetta il referendum sul nucleare e che si rimetterà alla volontà dei cittadini, dall'altra inoltra un ricorso alla Corte costituzionale come ultimo e disperato tentativo di invalidare il referendum e impedire ai cittadini di esprimere la loro volontà". In ogni caso, "l'istituto costituzionale del referendum - osserva Di Pietro - esiste proprio per i casi in cui gli elettori di un partito politico o del governo non sono d'accordo con una singola scelta di quel partito o di quel governo. Se fossimo sicuri che gli elettori della maggioranza parlamentare sono sempre d'accordo con ciò che quella maggioranza decide, che bisogno ci sarebbe del referendum? Trasformare i referendum in una specie di elezione politica camuffata tra i sostenitori del centrosinistra e quelli del centrodestra non vorrebbe dire solo darsi la zappa sui piedi, sarebbe anche una grandissima ingiustizia nei confronti di moltissimi cittadini e un tradimento dello spirito referendario. Cosa dovrebbe fare - conclude - un elettore del Pdl che però vuole anche difendere i suoi figli e i suoi nipoti dall'incubo nucleare, o un cittadino che vota per la Lega ma non vuole che l'acqua diventi fonte di profitto per pochi ricchi?".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Sinistra
Scotto: nuova forza di sinistra con ex Pd, con noi 17 ex Si
Pd
Renzi: in California cerco idee anti-populisti
Aborto
Aborto, senatori Pd: ora legge per concorsi medici non obiettori
Ue
Mattarella:Ue ha valore irreversibile, da crisi uscirà più forte
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech