domenica 26 febbraio | 15:41
pubblicato il 03/giu/2011 17:09

Referendum/ Consulta esamina questito nucleare, martedì decisione

Il costituzzionalista Barbera: "La Cassazione ha sbagliato"

Referendum/ Consulta esamina questito nucleare, martedì decisione

Roma, 3 giu. (askanews) - L'associazione ecologista 'Fare ambiente' è ricorsa alla Corte Costituzonale, che si riunirà in camera di consiglio il 7 giugno, contro i referendum sul nucleare, che vedranno gli elettori alla urne il 12 e 13 giugno. Secondo il presidente dell'associazione, Vincenzo Pepe, infatti, "c'è stata una vera e propria manipolazione che genera un conflitto di attribuzioni tra i poteri dello Stato". Il quesito su cui si vota, infatti, "è diverso da quello proposto dal comitato referendario e su cui si sono raccolte le firme. I cittadini - è la tesi dei ricorrenti - che hanno sottoscritto la proposta referendaria hanno sottoscritto quel quesito e non altri, che ora invece sono oggetto di referendum. Una distorsione della volontà dei sottoscrittori". C'è poi un altro problema, e riguarda "molti cittadini italiani residenti all'estero, che - è la denuncia - hanno già votato per corrispondenza su un quesito originale che all'ultimo momento è stato cambiato. Sarebbe come votare per un candidato che poi viene sostituito con un altro dello stesso partito". Quella dell'errore della Cassazione nel 'cambio in corsa' dei quesiti è una tesi che convince anche il costituzionalista Augusto Barbera. "Il Parlamento, sulla base del decreto legge del governo, aveva infatti abrogato tutte le norme che consentono la produzione e l'installazione di centrali nucleari. Il quesito - ha detto Barbera - è stato trasferito su due norme che prevedono altre cose. Uno dei due commi che saremo chiamati ad abrogare è ancora più sorprendente, perchè tratta del piano energetico nazionale, e non fa cenno all'energia nucleare. Anzi, si parla di risparmio energetico, energie rinnovabili eccetera". Detto questo, la parola passa alla Corte che, chiamata lunedì a eleggere il suo nuovo presidente, il giorno dopo sarà chiamata a pronunciarsi sul quesito del referendum sul nucleare come riformulato dopo la pronuncia della Cassazione: un passaggio che a palazzo della Consulta giudicano come un 'atto dovuto', ma che potrebbe comunque riservare delle sorprese.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Errani lascia Pd: ora nuova avventura, ma ci ritroveremo
Sinistra
Lavoro, scuola, ambiente: abito classico per la sinistra ex Pd
Pd
Pd, Veltroni: la sinistra divisa consegna l'Italia al polulismo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech