venerdì 02 dicembre | 19:49
pubblicato il 03/giu/2011 17:09

Referendum/ Consulta esamina questito nucleare, martedì decisione

Il costituzzionalista Barbera: "La Cassazione ha sbagliato"

Referendum/ Consulta esamina questito nucleare, martedì decisione

Roma, 3 giu. (askanews) - L'associazione ecologista 'Fare ambiente' è ricorsa alla Corte Costituzonale, che si riunirà in camera di consiglio il 7 giugno, contro i referendum sul nucleare, che vedranno gli elettori alla urne il 12 e 13 giugno. Secondo il presidente dell'associazione, Vincenzo Pepe, infatti, "c'è stata una vera e propria manipolazione che genera un conflitto di attribuzioni tra i poteri dello Stato". Il quesito su cui si vota, infatti, "è diverso da quello proposto dal comitato referendario e su cui si sono raccolte le firme. I cittadini - è la tesi dei ricorrenti - che hanno sottoscritto la proposta referendaria hanno sottoscritto quel quesito e non altri, che ora invece sono oggetto di referendum. Una distorsione della volontà dei sottoscrittori". C'è poi un altro problema, e riguarda "molti cittadini italiani residenti all'estero, che - è la denuncia - hanno già votato per corrispondenza su un quesito originale che all'ultimo momento è stato cambiato. Sarebbe come votare per un candidato che poi viene sostituito con un altro dello stesso partito". Quella dell'errore della Cassazione nel 'cambio in corsa' dei quesiti è una tesi che convince anche il costituzionalista Augusto Barbera. "Il Parlamento, sulla base del decreto legge del governo, aveva infatti abrogato tutte le norme che consentono la produzione e l'installazione di centrali nucleari. Il quesito - ha detto Barbera - è stato trasferito su due norme che prevedono altre cose. Uno dei due commi che saremo chiamati ad abrogare è ancora più sorprendente, perchè tratta del piano energetico nazionale, e non fa cenno all'energia nucleare. Anzi, si parla di risparmio energetico, energie rinnovabili eccetera". Detto questo, la parola passa alla Corte che, chiamata lunedì a eleggere il suo nuovo presidente, il giorno dopo sarà chiamata a pronunciarsi sul quesito del referendum sul nucleare come riformulato dopo la pronuncia della Cassazione: un passaggio che a palazzo della Consulta giudicano come un 'atto dovuto', ma che potrebbe comunque riservare delle sorprese.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Centrodestra
Berlusconi in tv propone leadership a Del Debbio: "ci rifletta"
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari