giovedì 19 gennaio | 03:34
pubblicato il 30/ago/2016 17:41

Referendum, Anpi non sarà a Festa Unità Firenze. Ed è polemica

Associazione: "No condizioni". I Dem: 'Decisione strumentale'

Referendum, Anpi non sarà a Festa Unità Firenze. Ed è polemica

Roma, 30 ago. (askanews) - Non ci sarà uno spazio dell'Anpi alla Festa de l'Unità a Firenze e la decisione lascia una scia di polemiche. L'Associazione partigiani del capoluogo toscano, in una nota, ha comunicato che non sarà presente alla Festa.

"Il Partito Democratico di Firenze - si legge nel comunicato - ha invitato la nostra Associazione ad essere presente con un proprio banchino alla Festa che si tiene alle Cascine. Dopo alcuni contatti telefonici la segreteria del Partito democratico Metropolitano di Firenze ha formalmente risposto dicendo di ritenere difficilmente conciliabile la compresenza di opinioni opposte all'interno di una festa caratterizzata dalla campagna per il Sì al referendum. Prendiamo atto che a Firenze non si siano potute replicare le soluzioni che altrove, come a Bologna e a Reggio Emilia, hanno permesso all'Anpi di essere presente nelle analoghe feste del Pd. L'Anpi Provinciale di Firenze auspica che permanga comunanza di valori e che si concretizzi la possibilità di un confronto sincero e costruttivo sul tema della riforma costituzionale, e che, nell'interesse di tutte le cittadine ed i cittadini, la discussione possa essere ampia e partecipata".

Una presa di posizione a cui replica il segretario Dem Fabio Incatasciato. "Come Pd metropolitano - spiega - abbiamo rinnovato pochi giorni fa l'invito ad Anpi a venire al Parco delle Cascine, chiedendo solo di rispettare le posizioni della Festa e non prestandosi a strumentalizzazioni. Abbiamo sempre pensato ad un loro spazio libero, dove potessero diffondere i numerosi materiali che hanno, anche quelli referendari, ovviamente in un clima di rispetto reciproco".

Il Pd ribadisce di non aver "posto nessun veto o prescrizione alla presenza dell'Associazione dei partigiani, ma solo chiesto attenzione e rispetto delle posizioni politiche che il Pd sta portando avanti, dal momento che la nostra è una festa di Partito". "Prendiamo altresì atto - ha aggiunto Incatasciato - che ad oggi non abbiamo ricevuto nessuna risposta o telefonata dopo l'ulteriore disponibilità inviata giovedì scorso e che il 'no' alla presenza alla Festa è stato affidato esclusivamente ai media; modalità abbastanza discutibile che presuppone probabilmente una volontà di utilizzare tutta questa vicenda in modo strumentale".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Renzi si mette in viaggio in pullman: ripartiamo girando l'Italia
Fca
Fca,Gentiloni a Merkel: omologazione spetta a autorità italiane
Brexit
Brexit,Gentiloni:May fa chiarezza, Ue pronta a discutere con Gb
Terremoti
Terremoto, Boschi segue situazione. In contatto con Curcio e Errani
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
"L'Ara com'era", il racconto dell'Ara Pacis diventa più immersivo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina