mercoledì 07 dicembre | 21:34
pubblicato il 13/giu/2011 19:39

Referendum/ Alfano: Impropria richiesta dimissioni di Berlusconi

Non era voto contro esecutivo, hanno votato anche elettori Pdl

Referendum/ Alfano: Impropria richiesta dimissioni di Berlusconi

Roma, 13 giu. (askanews) - Chiedere le dimissioni del governo, come ha fatto Bersani dopo l'esito referendario, è "improprio", anche perché non si è trattato di un voto contro l'esecutivo, tanto che si sono espressi anche elettori del centrodestra. E' questo il commento, affidato a una nota, del ministro della Giustizia e segretario designato del Pdl, Angelino Alfano. "Il Pdl - ha osservato - ha chiarito già da tempo di non considerare quella dei referendum una scadenza politica sulla quale impegnarsi come partito e tantomeno come maggioranza di governo. Di conseguenza il Pdl ha lasciato ai suoi dirigenti, militanti, iscritti piena libertà su tutti i piani, quello di partecipare o no al voto, quella di votare sì o no ai vari quesiti. Per di più nel merito di un paio di essi - quello sul nucleare e quello sul legittimo impedimento - la questione a nostro avviso era già risolta in un caso per la nuova legge, in un altro per un deliberato della Consulta". Alfano ha sottolineato che "anche in seguito a questa presa di posizione molti dirigenti del Pdl a vari livelli hanno fatto scelte differenziate sulla base del loro libero convincimento". "Queste scelte, e anche la materia stessa del confronto referendario, escludono qualunque strumentalizzazione del medesimo - ha insistito il ministro della Giustizia - in chiave politica, addirittura come conseguenza dei suoi risultati. Del resto la stessa percentuale raggiunta dai quesiti referendari rende evidente che essa è andata molto aldilà della forza elettorale della sinistra ed ha avuto il voto di milioni di elettori del centro-destra che hanno inteso esprimere la loro opinione sui temi referendari e di certo non danneggiare il governo. Per cui da tutto ciò non si può trarre certamente le conseguenze del tutto improprie di cui parla l'on. Bersani". "Il governo - è la conclusione di Alfano - oggi ha due doveri: da un lato prendere atto del risultato dei referendum sui vari quesiti e dall'altro lato predisporre un quadro preciso di scelte politiche e programmatiche sui vari temi che più riguardano gli interessi dei cittadini e il futuro della società italiana".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
L.Bilancio
L.Bilancio, governo pone fiducia in aula Senato su art.1
Fi
Fi, Berlusconi ricoverato. Zangrillo: stress, a breve dimesso
Pd
Pd, Orfini: ok sostegno militanti ma sia senza rabbia
Governo
Pisapia: pronto a unire sinistra fuori da Pd, dialogo con Renzi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni