martedì 28 febbraio | 18:57
pubblicato il 15/lug/2013 18:56

Razzismo: Fedeli (Pd), bene Zanda non si infanghino le istituzioni

Razzismo: Fedeli (Pd), bene Zanda non si infanghino le istituzioni

(ASCA) - Roma, 15 lug - ''Sono d'accordo con Luigi Zanda che oggi in Senato, giudicando gravissimi gli insulti rivolti dal vice presidente del Senato Calderoli alla ministra Kyenge, ne ha chiesto, come molti altri, le dimissioni''. Lo afferma la vice presidente del Senato Valeria Fedeli.

''E' infatti necessario salvaguardare i luoghi della democrazia come Camera e Senato e far si' che la politica ritrovi credibilita'. Chi, come Calderoli, rappresenta il Senato non puo' e non deve insultare una ministra della Repubblica o permettersi comportamenti che infangano l'istituzione che rappresenta - prosegue Fedeli - istituzione che dovrebbe essere difesa non solo da una parte ma da tutti i suoi rappresentanti. Una battuta razzista non ha nulla a che vedere con un giudizio politico: qui non si tratta di polemica politica ma di un insulto alle istituzioni e ai diritti della persona''.

com-njb

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Vitalizi
M5s: Boldrini calendarizza nostra proposta su pensioni deputati
L.elettorale
Finocchiaro:indispensabile nuova legge elettorale maggioritaria
Mdp
Nasce gruppo Mdp Camera con 37 deputati, Laforgia presidente
Pd
Battezzati i gruppi Mdp, scissione Pd formalizzata in Parlamento
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ricerca, nanocubi per la diagnosi precoce di Alzheimer e Parkinson
Motori
La Turbo S E-Hybrid diventa modello più potente Porsche Panamera
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Europa: porta aperte alla Cina nel segno del Turismo
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Spazio, ExoMars: Tgo si prepara a nuovi test degli strumenti
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech