sabato 03 dicembre | 01:14
pubblicato il 16/lug/2013 14:56

Razzismo: Chaouki (Pd), se Calderoli vuole scusarsi si dimetta

(ASCA) - Roma, 16 lug - ''L'unico modo per chiedere scusa da parte di Roberto Calderoli e' quello di rassegnare le sue dimissioni da vicepresidente del Senato''. Lo ha sottolineato in una nota Khalid Chaouki, deputato Pd e responsabile Nuovi Italiani. ''La gravita' delle sue offese razziste, le conseguenze ed emulazioni da parte di altri esponenti leghisti, la lenta e titubante marcia indietro, non ci convincono rispetto al mal riuscito tentativo di Calderoli al Senato di chiedere scusa mostrando il suo attaccamento alle istituzioni'' ha sottolineato Chaouki, invitando poi Calderoli a mostrare ''il suo amore e rispetto per il Senato dimettendosi e avra' poi tutto il tempo per dimostrare all'Italia intera la sua volonta' e soprattutto quella del suo movimento di cambiare rotta rispetto alla demagogia razzista e ad una evidente strategia leghista mirante a demonizzare il ministro Kyenge e con lei la possibilita' di convivenza tra italiani e immigrati'', ha concluso.

brm/mau/rob

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari