sabato 21 gennaio | 07:23
pubblicato il 28/mar/2011 20:33

Rai/Blitz maggioranza per stop talk,opposizione pronta a 'guerra'

Santoro avverte:Se Vigilanza approva nuova mobilitazione generale

Rai/Blitz maggioranza per stop talk,opposizione pronta a 'guerra'

Roma, 28 mar. (askanews) - Si prepara un nuovo scontro all'arma bianca, parlamentare e non, sulla messa in onda durante la prossima campagna elettorale per le amministrative del 15 maggio dei talk show di informazione politica Rai. Da Annozero di Michele Santoro a Ballarò di Giovanni Floris e Porta a Porta di Bruno Vespa. Ma forse, anche 'In mezz'ora' di Lucia Annunziata, 'Che tempo che fa' di Fabio Fazio e 'Report' di Milena Gabanelli, In 'zona Cesarini', i rappresentanti in Vigilanza dei gruppi di maggioranza Pdl-Lega hanno presentato emendamenti in tal senso al regolamento sulla par condicio in campagna elettorale proposto dal presidente della Commissione Sergio Zavoli. L'esame a palazzo San Macuto inizierà domani. In vista del quale opposizioni e anchorman interessanrti hanno già alzato gli scudi e fatto rullare i tamburi di guerra. Con in testa Michele Santoro che ha già annunciato di essere pronto a ripetere la mobilitazione nazionale di piazza e mondo dell'informaazione che lo vide protagonista quando fu decretato lo stop in occasione delle ultime elezioni . "A fronte dell'approvazione di norme liberticide - ha avvertito Santoro- noi reagiremo in tutti i modi" e "chi oggi fa finta di non vedere non può non essere ritenuto complice". Alla chiamata alle armi, però, l'opposizione è sembrata oggi tutta presente. "Manderò una letterina sull'informazione a tutti gli esponenti dell'opposizione -ha preanunciato il segretario Pd Pierluigi Bersani- in particolare sui telegiornali. Sullo stop ai talk show il disaccordo è totale. Gli ultimi 10 giorni abbiamo visto le televisioni invase da Berlusconi. Nemmeno in Bielorussia succede una cosa del genere". Ha fatto eco il leader Idv Antonio Di Pietro: "Siamo davanti all'ennesima proposta da minculpop di questyo governo e della sua maggioranza: vogliono evitare che i cittadinin siano informati per disincentivare il voto alle amministrative e ai referendum". Ha aggiunto il capogruppo Udc Roberto Rao: "stiamo lavorando per impedire che lo stop si realizzi, non è una campagna nazionale". Con un avvertimento anche alla Rai sulla applicabilità della norma, qualora venisse approvata, dall'ex ministro delle Comunicazioni Paolo Gentiloni: "Dopo la sentenza del Tar che l'anno scorso ha stabilito che i programmi di informazione non possono essere equiparati alle tribune elettorali la chiusura dei Talk show non è più amissibile: oltre ad essere una mossa politica scorretta sarebbe anche una grave violazione di legge".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Renzi al Nazareno incontra big del partito
Craxi
Berlusconi: mi manca Craxi, è stato vittima di un golpe
Terremoti
Terremoto, Finocchiaro: stanziati 30 milioni per l'emergenza
Maltempo
Rigopiano, Gentiloni: grazie a chi salva vite, forza e coraggio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4