lunedì 05 dicembre | 20:00
pubblicato il 20/mag/2013 10:28

Rai: Tarantola, voglio qualita' e pubblicita'. Via miss...(1 update)

(ASCA) - Roma, 20 mag - Un modello culturale che preveda di conciliare la qualita' dei programmi con gli ascolti, che assicurano gli introiti pubblicitari. E' questa la ''sfida che ci proponiamo'' per la Rai, spiega in un'intervista a La Stampa il presidente dell'azienda radiotelevisiva Anna Maria Tarantola. Una sfida, rileva, che Roberto Benigni, ''con la lettura della Costituzione in tv, ha dimostrato che e' possibile. Abbiamo abolito 'L'isola dei famosi' e 'Miss Italia' perche' non rientravano in questo progetto...''.

Certo, continua, e' stato trasmesso il matrimonio di Valeria Marini ma, sostiene Tarantola, ''sono incidenti che possono sempre succedere e spero che ne succedano sempre di meno. Ma vorremmo che la donna sia rappresentata in tv in modo diverso, che la fiction sia piu' contemporanea, racconti storie piu' realistiche''. Insomma, continua, per questa televisione si puo' usare anche il termine nazional-popolare, ''anche se non lo preferisco. Io penso che la Rai, con i programmi generalisti, debba arrivare a tutti - spiega il presidente di Viale Mazzini - deve fare prodotti allettanti, piacevoli, perche' se non la si vede non raggiunge l'obbiettivo di servizio pubblico. Questo non vuol dire che debbano essere volgari o sensazionalisti''.

''Credo che la Rai, come concessionaria del servizio pubblico in Italia - continua Tarantola - debba avere una sua distinguibilita', una sua cifra. Penso che una persona, quando accende la Tv, debba capire se sta guardando la Rai o un'altra emittente''. Il carattere distintivo e' innanzitutto ''la qualita', sempre, in tutto: informazione, fiction, intrattenimento. Qualita' vuol dire equilibrio, correttezza, no al sensazionalismo, no alla Tv del dolore...''. Questo non significa fare una televisione di buoni sentimenti, chiarisce il presidente della Rai.

''Dobbiamo raccontare - spiega - anche le cose negative perche', se non le si conosce, non le si puo' combattere. Ma dopo il racconto, bisogna offrire un messaggio di proposta per affrontare il problema. Vorrei un'informazione verificata, con un pluralismo non solo politico, ma di genere, di culture, di territorio, di voci'.

red-fdv

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum, Grillo: addio Renzi, ha vinto la democrazia
Riforme
Referendum, affluenza finale 68,48%. Si è votato di più al Nord
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari