venerdì 24 febbraio | 19:07
pubblicato il 07/mag/2014 16:13

Rai: sindacati, inaccettabile Dl che mina esistenza servizio pubblico

(ASCA) - Roma, 7 mag 2014 - Si e' tenuto in data odierna l'incontro tra Slc Cgil, Fistel CISL, Uilcom Uil, Ugl Telecomunicazioni, Snater e Libersind-ConfSal e il Direttore Generale della Rai Luigi Gubitosi per discutere dei contenuti e degli impatti che il Dl n. 66/2014 rischia di avere sul servizio pubblico oltre che sui lavoratori.

''I 150 milioni di euro ai quali la Rai dovra' rinunciare nel 2014, ai quali non e' chiaro se andranno ad aggiungersi ulteriori riduzioni dei costi operativi del 2,5% (per ulteriori 50 ml di Euro) nel 2014 e del 4% nel 2015, avranno - si legge in un comunicato - un effetto devastante sulla tenuta del perimetro aziendale oltre che sulla tenuta occupazionale. Da quanto e' emerso nella riunione e' chiaro infatti che l'impatto del decreto sulla Rai sara' pesantissimo: alla gia' paventata vendita della quota del 40% di Rai Way si aggiungerebbero tagli sul perimetro produttivo dell'azienda, con le inevitabili conseguenze sui livelli occupazionali e sull'attuazione degli accordi sottoscritti che di fronte a questo vero e proprio tsunami difficilmente troveranno applicazione, penalizzando tutti i lavoratori, a partire dalla fascia piu' debole dell'azienda, quella dei precari, area News, offerta Canali, produzione, sedi regionali e area corporate sarebbero tutti oggetto di radicali tagli per reperire le risorse richieste''.

''La preoccupazione che aveva spinto le oo.ss. a richiedere un incontro per comprendere come troverebbe applicazione il decreto dentro la Rai, ha mostrato tutto il suo fondamento. Alla vigilia del 2016, anno in cui dovrebbe essere rinnovata la concessione per il servizio pubblico il governo - prosegue il comunicato - sceglie di intervenire con un provvedimento che scippa alla Rai risorse essenziali per il suo stesso sostentamento, dopo aver gia' bloccato il recupero dell'inflazione sul canone per l'anno in corso. Per queste ragioni, il sindacato, dopo aver sollecitato l'azienda a non accettare passivamente la volonta' della politica, valutando le possibili eccezioni nei confronti del Governo e i possibili ricorsi a difesa del servizio pubblico, chiedera' un incontro urgente alla Commissione di Vigilanza Rai per sollecitare un intervento teso alla rivisitazione di un decreto che, se convertito in legge, determinera' la distruzione della piu' grande azienda culturale del paese.

Il prossimo appuntamento e' intanto fissato per domani 8 maggio, data in cui si terra' un coordinamento unitario di tutte le oo.ss. per individuare le forme di lotta necessarie per respingere l'attacco al Servizio pubblico''.

red/mar

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Ncd
Alfano: i moderati tornino uniti contro il populismo
Governo
Guerini: assurdo legare data primarie Pd a elezioni politiche
Centrosinistra
D'Alema: con Orlando segretario Pd si riaprirebbe dialogo
Campidoglio
Grillo: forza Virginia, giornalisti rispettino privacy Raggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech