sabato 21 gennaio | 07:34
pubblicato il 24/ago/2011 17:56

Rai/ Schifani a Lei: Si eviti qualunquismo su istituzioni

Dopo espressioni usate in trasmissione Radio2 da max Laudadio

Rai/ Schifani a Lei: Si eviti qualunquismo su istituzioni

Roma, 24 ago. (askanews) - La "denuncia" è un conto, il "qualunquismo" e la "denigrazione" un altro. Il presidente del Senato Renato Schifani, in una lettera al direttore generale della Rai Lorenza Lei, critica le espressioni usate questa mattina in una trasmissione radio della Rai: ""Anche a seguito di preoccupate segnalazioni pervenutemi da diversi senatori, - ha scritto Schifani - ritengo doveroso portare alla sua attenzione un passaggio della trasmissione radiofonica diffusa questa mattina tra le 10 e le 11 da Radio 2, intitolata 'Attenda in linea'. In replica ad una telefonata trasmessa in diretta, nella quale un privato cittadino, con toni ironici ma pacati, criticava il prezzo dei pasti consumati in un ristorante riservato a 'parlamentari', il conduttore del programma, Max Laudadio commentava tra l'altro: 'Se 'sti delinquenti facessero il loro lavoro, sarebbe tutto a posto, il problema è che non lo fanno, capito?'". "Non posso consentire - ha aggiunto il presidente del Senato - che la pur comprensibile critica di alcuni aspetti di quelli che ormai vengono comunemente chiamati 'costi della politica' trascenda in espressioni indiscriminatamente oltraggiose, tanto più da parte di un professionista del servizio pubblico. E' evidente che l'oggetto dello scambio di battute è la recente polemica riportata dalla stampa sul ristorante dei senatori, che ha alimentato critiche anche aspre, ma finora sempre contenute nell'ambito di un legittimo diritto di cronaca, senza sconfinamenti in epiteti ingiuriosi". Ha concluso Schifani: "Non intendo entrare nel merito della questione, sulla quale ho già avuto modo di intervenire con fermezza. Ma come Presidente del Senato è mio dovere stigmatizzare e respingere a tutela della dignità e dell'impegno di tanti parlamentari le espressioni usate oggi nella trasmissione 'Attenda in linea'. Una denuncia costruttiva, che è doveroso comprendere ed accogliere, è cosa ben diversa da un compiaciuto qualunquismo che vuole solo denigrare le istituzioni e coloro che le rappresentano".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Renzi al Nazareno incontra big del partito
Craxi
Berlusconi: mi manca Craxi, è stato vittima di un golpe
Terremoti
Terremoto, Finocchiaro: stanziati 30 milioni per l'emergenza
Maltempo
Rigopiano, Gentiloni: grazie a chi salva vite, forza e coraggio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4