giovedì 08 dicembre | 09:52
pubblicato il 29/set/2015 20:47

Rai, polemica sul Pd: Grillo, Usigrai e minoranza dem all'attacco

Il leader M5s: "Anzaldi come Goebbels". La replica: da che pulpito

Rai, polemica sul Pd: Grillo, Usigrai e minoranza dem all'attacco

Roma, 29 set. (askanews) - E' bufera sul Pd e, in particolare, sul deputato Michele Anzaldi, renziano, che ha polemizzato duramente con Raitre dalle colonne del 'Corriere della Sera'. "Non si sono accorti che è stato eletto un nuovo segretario, Matteo Renzi, che poi è diventato anche premier. Il Pd viene regolarmente maltrattato", ha detto, tra l'altro, Anzaldi. Parole che hanno innescato le reazioni dell'Usigrai e dell'Fnsi, del cdr del Tg3, di M5s e della stessa minoranza del Pd.

"Abbiamo contestato i bavagli ieri, con governi di colore diverso, non smettiamo di farlo oggi", attaccano Fnsi e Usigrai. "Le parole di Michele Anzaldi sul Corriere di oggi sono gravissime". Il cdr del Tg3, poi, paragona le frasi del deputato Pd a quelle pronunciate da Silvio Berlusconi contro Biagi, Santoro e Luttazzi: "Le parole dell'onorevole Anzaldi, segretario della commissioni di Vigilanza, riportate dal Corriere della Sera, sono inaccettabili e ricordano nei toni 'editti bulgari' di berlusconiana memoria".

Beppe Grillo va molto oltre, non si limita al paragone con l'ex Cavaliere ma arriva a chiamare in causa il nazismo: "Le regole di Goebbels Anzaldi per la Tv pubblica sono chiare: vietato criticare il governo; vietato intervistare portavoce del M5s; il Pd ha sempre ragione; chi sgarra paga (Vianello è avvisato per la seconda volta). Sieg Heil, Pd".

Ma contro Anzaldi si schierano anche esponenti della sinistra del partito come Federico Fornaro e Alfredo D'Attorre: "Non mi riconosco nella maniera più assoluta - dice Fornaro - nelle parole e nel tono delle dichiarazioni del collega Anzaldi sulla gestione del Tg3 e di Rai 3. Ai direttori e ai giornalisti va la mia completa solidarietà e la piena fiducia nel loro operato". E D'Attorre aggiunge: "C'è da augurarsi che i vertici del Pd prendano le distanze dalle sconcertanti dichiarazioni di Michele Anzaldi riportate dal Corriere della Sera di oggi. Si tratta di posizioni incompatibili con la storia del Pd e che rischiano di confermare le critiche più severe sulle finalità che hanno ispirato il recente rinnovo del cda della Rai".

La difesa del deputato Pd è affidata al senatore Andrea Marcucci e ad Alessia Morani, che però replicano solo a Grillo: "Il M5s che accusa il collega Michele Anzaldi di censura verso Rai3, è lo stesso che lanciò sul blog la caccia al giornalista ostile?", chiede Marcucci. E la Morani aggiunge: "Le offese di M5s ad Anzaldi, oltre che ingiuste, sono un vero paradosso. Arrivano infatti da quelle stesse persone che si sono distinte per la caccia al giornalista nemico e un'occupazione di sapore squadrista della sede Rai di Viale Mazzini, con tanto di minacce ai giornalisti secondo loro non abbastanza ossequiosi".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fi
Fi, Berlusconi ricoverato. Zangrillo: stress, a breve dimesso
Pd
Pd, Orfini: ok sostegno militanti ma sia senza rabbia
L.Bilancio
L.Bilancio, governo pone fiducia in aula Senato su art.1
Governo
Consultazioni Mattarella fino a sabato, chiudono Fi M5s e Pd
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni