domenica 04 dicembre | 11:09
pubblicato il 01/mar/2011 21:15

Rai/ Pdl propone 'targhe alterne' conduttori. Santoro: Minculpop

Le opposizioni: "E' censura. Testo Butti inemendabile"

Rai/ Pdl propone 'targhe alterne' conduttori. Santoro: Minculpop

Roma, 1 mar. (askanews) - La Rai a 'targhe alterne': il Pdl propone l'alternanza di conduttori di diversa opinione politica e scoppia subito la polemica. Secondo il testo presentato in commissione di Vigilanza da Alessio Butti dovremmo vedere una settimana Ballarò con Floris e Annozero con Santoro, quella dopo sulle stesse reti, negli stessi giorni e alla stessa ora "l'apertura di altri spazi informativi e/o di approfondimento affidati ad altri conduttori" di diversa connotazione politica". Tutto questo, si precisa, "onde evitare il determinarsi di una evidente posizione dominante da parte di alcuni operatori dell'informazione rispetto ad altri". Idea subito bocciata da opposizioni e conduttori interessati: "Siamo al Minculpop, ma con gerarchi che assomigliano alle caricature dei fascisti", ha replicato Michele Santoro. Butti ha spiegato la sua iniziativa dicendo che si cerca di "porre rimedio al pesante squilibrio verso sinistra offerto dai palinsesti. Nessuno ha mai parlato di par condicio; c'è una legge apposita che la disciplina. Ci stiamo occupando, ed è assai diverso, di pluralismo nell'informazione Rai". Ma la tesi del centrodestra non convince le opposizioni, nonostante il testo depositato oggi sia stato corretto rispetto alla bozza iniziale: "Ci sono stati dei cambiamenti, ma largamente insufficienti a rendere il testo emendabile", ha commentato Roberto Rao dell'Udc. "La bozza Butti è una sorta di censura mascherata", ha detto il Pdci. Per l'Idv si tratta di un "atto da cestinare", mentre per il Pd Vincenzo Vita "la proposta di Butti sull'informazione è intrisa di contenuti censori". La finiana Flavia Perina, invece, ha rilanciato con sarcasmo chiedendo di fare le "targhe alterne" anche per i direttori dei Tg: "Se così è, non si capisce perché ogni sera a dirigere il Tg1 debba essere Minzolini e a condurre Porta a Porta sia sempre Vespa". Santoro, intanto, ha assicurato che giovedì sarà in onda, nonostante il proiettile ricevuto oggi in una busta da Marco Travaglio: "Voglio innanzitutto rassicurare il nostro pubblico: continuiamo a preparare la puntata di giovedì. Ho fiducia nelle forze di polizia".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari