domenica 04 dicembre | 09:56
pubblicato il 10/dic/2011 14:10

Rai/ Pd boccia interim Tg1 a Maccari: Serve direzione autorevole

In gioco futuro azienda:va risalita china,non assecondato declino

Rai/ Pd boccia interim Tg1 a Maccari: Serve direzione autorevole

Roma, 10 dic. (askanews) - Pollice verso dal Pd contro la decisione della Direttore Generale della Rai Lorenza Lei di indicare la direzione ad interim di Alberto Maccari fino a fine gennaio quale soluzione pro tempore per il 'dopo Minzolini' alla direzione del TGg. "Non serve un direttore del Tg1 nominato solo per passare le feste di fine anno.E' senz'altro positivo -ha sottolineato in una nota Matteo Orfini, responsabile cultura e informazione della segreteria nazionale del Pd, - che venga avviato il processo di superamento della triste stagione minzoliniana al Tg1. Ma è poco convincente l'idea di dare alla principale testata una soluzione temporanea. I danni di questi anni sono molti, il discredito profondo, la perdita di ascolti e autorevolezza enorme. Risalire la china richiede impegno, progetti e stabilità. Difficile riuscirci con scelte provvisorie e a scadenza ravvicinata". "Sostituire Minzolini era un atto dovuto. Sostituirlo con Maccari sarebbe l'ennesima prova di una Rai debole e subalterna", ha commentato su Twitter il responsabile del Forum Comunicazioni del Partito Democratico, Paolo Gentiloni . "Dopo anni di declino del Tg1 e di crisi della direzione Minzolini - ha fatto eco il Vicepresidente dei senatori Luigi Zanda- la proposta di ricorrere ad un interim è la più esplicita ammissione di impotenza e di crisi dell'azienda nel suo complesso. In ballo non c'è solo la necessità di restituire con urgenza al più importante telegiornale del servizio pubblico un po' di pluralismo e indipendenza professionale. E' in gioco la stessa sopravvivenza industriale della Rai. Per qualsiasi azienda la capacità di fare tempestivamente buone scelte, è una condizione indispensabile per stare nel mercato. La proposta di un interim al tg1 conferma che è giunto il momento di assumere decisioni radicali sul futuro della Rai per sottrarla all'oppressione dei partiti politici e dei centri di potere, restituendole così efficienza, qualità e dignità". "La direttrice generale della Rai Lorenza Lei ha proposto di affidare, per ora ad interim, il tg 1 ad Alberto Maccari, attuale direttore della tgr, indicato a suo tempo dal centro destra. l di là dei giudizi sulle persone, siamo in presenza - hanno affermato in una congiunta Beppe Giulietti e Vincenzo Vita- di una decisione inadeguata rispetto alla gravit della situazione e della eredit lasciata suo predecessore. Per di più il nuovo direttore è alla vigilia della pensione, di questo passo l'intero tg rischia il pensionamento. Purtroppo anche questa decisione conferma che, almeno per quanto riguarda il settore dei media. Dietro gli appelli alla discontinuità si nasconde la pi assoluta continuità. Ci auguriamo che il nuovo governo così timido sull'asta per le frequenze voglia immediatamente proporre una nuova fonte di nomina per la Rai ed impedire il fallimento editoriale ed industriale del servizio pubblico".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Riforme
Referendum, sfida decisiva per la madrina delle riforme Boschi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari