venerdì 20 gennaio | 19:52
pubblicato il 23/gen/2014 18:40

Rai: Odg, 60* compleanno serva per ritrovare ''dimensione sociale''

(ASCA) - Roma, 23 gen 2014 - ''E' necessario che le indicazioni alla base del Contratto di servizio trovino concreta attuazione soprattutto in quella dimensione ''sociale'' che rappresenta in effetti una delle vocazioni e delle giustificazioni fondanti della presenza di un servizio pubblico radiotelevisivo in un'epoca come la nostra caratterizzata da una straordinaria espansione della capacita' comunicativa''. Lo si legge in un ordine del giorno approvato all'unanimita' dal consiglio nazionale dell'Ordine dei giornalisi.

''In questi 60 anni la Rai e' diventata un punto di riferimento per gli italiani''. Cosi' la Presidente Tarantola e il d.g. Gubitosi - questo il testo dell'ordine del giorno -. ''Per oltre mezzo secolo, la tv e' stata il medium egemone del ''900 e ha svolto un preciso ruolo sociale, alimentando un'esperienza tanto diffusa quanto condivisa per gli spettatori, riassumibile nella semplice espressione: ''Guardare la tv''. Per molto tempo, dunque, guardare la tv e' stato come guardare un nuovo mondo, una scoperta di inestimabile valore'', cosi Aldo Grasso sul Corriere della Sera che conclude il suo interessante excursus affermando ''Il 60esimo compleanno della Rai dovrebbe percio' servire a riservare piu' spazio ai ripensamenti che alle celebrazioni, piu' attenzione ai prodotti che ai dibattiti, altrimenti il declino sara' inevitabile. E la perdita, purtroppo, irrimediabile''.

Papa Francesco, incontrando i dipendenti Rai li ha invitati a ''tenere alto il livello etico della comunicazione'' dichiarando: ''La vostra professione, oltre che informativa, e' formativa, e' un servizio pubblico, cioe' un servizio al bene comune. Tutti i dipendenti Rai sanno di appartenere ad un'azienda che produce cultura ed educazione, che offre informazione e spettacolo raggiungendo in ogni momento della giornata una gran parte di italiani. E' una responsabilita' a cui chi e' titolare del servizio pubblico non puo' per nessun motivo abdicare''.

E' evidente che la Rai, in quanto azienda concessionaria del servizio pubblico, ha avuto e continua ad avere delle particolari e alte responsabilita' verso il Paese, i cittadini e gli utenti tutti.

Responsabilita' che non possono essere declinate - cosi' come troppo spesso e' avvenuto - esclusivamente all'interno di uno schema competitivo con l'altro importante brodcaster del panorama televisivo operante nel mercato nazionale (in termini economici e di marketing), ma che devono esprimersi nella capacita' di rappresentare, al meglio, l'articolazione pluralista del Paese dal punto di vista istituzionale e della societa' civile (in termini informativi e culturali).

Un compito che trova nel ''Contratto di servizio'' formale codifica e che dovrebbe spalmarsi sull'insieme della programmazione e dell'offerta e non essere confinato in spazi e limbi ristretti e separati.

In altri termini, e' necessario che le indicazioni alla base del Contratto di servizio trovino concreta attuazione soprattutto in quella dimensione ''sociale'' che rappresenta in effetti una delle vocazioni e delle giustificazioni fondanti della presenza di un servizio pubblico radiotelevisivo in un'epoca come la nostra caratterizzata da una straordinaria espansione della capacita' comunicativa.

Ci vuole, in sostanza, piu' e non meno dimensione pubblica, piu' e non meno programmi che contribuiscano alla crescita culturale e civile del Paese, piu' e non meno responsabilita' etica e civile. Questa e' la peculiare ''responsabilita' sociale'' della Rai nei confronti del Paese, che dovrebbe essere valutata soprattutto per la qualita' dei suoi programmi.

Tutto cio' premesso e in riferimento al Contratto di Servizio di prossima approvazione, il Consiglio Nazionale dell'Ordine dei Giornalisti impegna il presidente e il Comitato Esecutivo ad assumere un'iniziativa verso la Rai con l'obiettivo che: - la Rai recepisca le carte ed i codici propri dell'OdG (Carta di Treviso, Perugia, Roma, Firenze, Milano, Codice di autoregolamentazione per i processi in tv), inserendoli al punto 3 dell'art. 3 (Oggetto del contratto di servizio); - la Rai, di concerto con l'OdG, attivi percorsi di promozione e divulgazione di queste carte e codici internamente all'azienda ad ogni livello; per la verifica di quanto indicato all'art 5 del contratto di servizio ''Qualita' dell'informazione'' la Rai, al pari di quanto previsto per la programmazione sociale, avvii un tavolo paritetico di dialogo e confronto con l'OdG.

com-gbt

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Craxi
Berlusconi: mi manca Craxi, è stato vittima di un golpe
Pd
Pd, correnti in tensione su voto subito e leadership Renzi
Pd
Pd, Renzi al Nazareno incontra big del partito
Terremoti
Terremoto, Finocchiaro: stanziati 30 milioni per l'emergenza
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4