martedì 24 gennaio | 08:53
pubblicato il 03/lug/2013 13:32

Rai: Msf-Usigrai, Crisi umanitarie dimenticate in informazione dei Tg

Rai: Msf-Usigrai, Crisi umanitarie dimenticate in informazione dei Tg

+++Medici senza frontiere e Usigrai chiedono incontro con direttore generale Gubitosi+++.

(ASCA) - Roma, 3 lug - ''Invisibili, cancellate dall'agenda dell'informazione. Le crisi umanitarie sono assenti dai Tg''.

E' quanto e' documentato nello studio di Medici Senza Frontiere (Msf), realizzato con l'Osservatorio di Pavia. Un quadro ''impietoso: Nel 2012 solo il 4% delle news dei Tg di prima serata sono state dedicate ai contesti di crisi, conflitti, emergenze umanitarie e sanitarie. L'invisibilita' delle crisi umanitarie riguarda tutta la tv generalista italiana, senza eccezioni, sia quella pubblica che quella privata. L'informazione abdica alla sua funzione, rinunciando o scegliendo di cancellarle dalla propria agenda''. I dati sono sintetizzato in un comunicato diffuso insieme da Msf e Usigrai, il sindacato dei giornalisti Rai.

''La Rai, il servizio pubblico radiotelevisivo, si allinea in questo record al ribasso: 5,7% il Tg1, 5,1% il Tg3 (che era tradizionalmente il notiziario che dedicava piu' spazio a queste notizie) e fanalino di coda il Tg2 con il 4,6%. Un atteggiamento in controtendenza con le altre televisioni pubbliche europee. E anche quando i Tg decidono di accendere i riflettori su questi temi, lo fanno in maniera a volte distorta: il Sud Sudan sale agli onori della cronaca quando arrestano George Clooney per un sit-in davanti all'ambasciata (8 notizie su un totale di 17); l'Aids fa da sfondo a impegni di personaggi dello spettacolo. Resistono, anche se in calo, le non-notizie, le curiosita' dal mondo soprattutto quello animale, come il cucciolo di formichiere rimasto orfano o il gatto e il serpente obesi, a danno delle notizie quelle vere: 70 su stranezze animali contro 11 sulla malnutrizione. 30 sulla profezia Maya sulla fine del mondo contro 4 notizie sul Niger, 3 sulla Repubblica Democratica del Congo e nessuna sulla Repubblica centrafricana. Tutto cio' mentre una ricerca Eurisko conferma che il 63% della popolazione vuole piu' informazione sulle emergenze umanitarie''. Il Servizio pubblico, prosegue il comunicato, ''ha una responsabilita' in piu'. Non puo' cancellare queste notizie ne' relegarle a orari di minore ascolto. L'informazione del mondo, un mondo sempre piu' piccolo perche' sempre piu' globalizzato, deve trovare giusto spazio e giusta rilevanza nei Tg''. Medici Senza Frontiere e Usigrai ''chiedono alla Rai e al Direttore Generale un'inversione di tendenza, anche in vista del rinnovo della concessione del 2016, affinche' il futuro della RAI sia sempre piu' aperto anche alle zone piu' critiche e lontane del mondo. Un incontro fra il Direttore Generale della RAI, Medici Senza Frontiere e Usigrai costituirebbe un primo passo verso un impegno concreto della RAI ad 'accendere un riflettore' sulle crisi umanitarie''. com-min

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nega tensione Renzi-Gentiloni su Agcom:non c'è inciucio con Fi
M5s
Di Maio: né Salvini né Meloni, non facciamo alleanze
L.elettorale
Salvini: Consulta deve consentire di andare a elezioni a maggio
L.elettorale
Grillo: legge elettorale sarà quella che deciderà la Consulta
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4