lunedì 16 gennaio | 14:07
pubblicato il 20/feb/2012 20:14

Rai/ La denuncia: Licenzia collaboratrici incinte. Azienda nega

"Non esiste alcuna clausola, sempre attenuti a norme tutela"

Rai/ La denuncia: Licenzia collaboratrici incinte. Azienda nega

Roma, 20 feb. (askanews) - Scoppia un nuovo caso in Rai. A dar fuoco alle polveri è stata la denuncia di una giornalista, Paola Natalicchio, che qualche giorno fa ha fatto riferimento ad una 'clausola maternità' nei contratti dell'azienda: norma che consentirebbe, ha sostenuto, di licenziare le consulenti-collaboratrici esterne se incinte. Immediata è scoppiata la polemica. "Il coordinamento dei giornalisti precari Errori di stampa ha chiesto alla Rai se risponda al vero la notizia seconda la quale una collaboratrice precaria possa essere mandata a casa in caso di gravidanza, quasi fosse una malattia o una colpa grave", ha fatto sapere Giuseppe Giulietti, portavoce di Articolo 21. E il senatore Pd Vincenzo Vita ha anticipato l'intenzione di sottoporre il caso in Vigilanza. Ma la Rai ha negato: nessun licenziamento per gravidanza, è stata la replica di viale Mazzini, che ha confermato di "essersi sempre scrupolosamente attenuta al rispetto delle norme a tutela della maternità". "Non esiste quindi alcuna clausola che possa consentire la risoluzione anticipata dei rapporti lavorativi del personale con contratto, anche a termine, di natura subordinata", ha sottolineato ancora la Rai. "Quanto ai contratti di lavoro autonomo - ai quali come noto non si applica lo Statuto dei Lavoratori né le relative tutele - la Rai precisa - è scritto ancora nella nota diffusa da viale Mazzini - di non essersi mai sognata di interrompere unilateralmente contratti di collaborazione a causa di maternità, a meno che questo non sia stato richiesto dalle collaboratrici interessate per ragioni attinenti allo stato di salute o alla loro sfera personale. Ogni qualvolta si sia determinata l'esigenza di interrompere i contratti - si ripete su richiesta delle collaboratrici - Rai si è sempre adoperata per assicurare loro futuri impegni professionali al venir meno della ragione impeditiva pur senza aver alcun obbligo di legge al riguardo".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Bersani: Renzi non ha capito lezione, così si sbatte di nuovo
Fca
Fca, Delrio: richiesta Germania a Ue del tutto irricevibile
Centrodestra
Salvini: se Berlusconi preferisce Renzi, meglio soli al voto
Governo
Alfano: elezioni? Avanti finchè c'è carburante, senza psicodrammi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Trump avverte Merkel su commercio: troppe Mercedes negli Usa
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
On line il sito del Fondo Astoi a tutela dei viaggiatori
Energia e Ambiente
Energia, Bellanova: Italia con Enea all'avanguardia internazionale
Moda
Milano Moda uomo, i quadri viventi di Antonio Marras
Scienza e Innovazione
Spazio, lanciato razzo di SpaceX dopo l'esplosione di settembre
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Anas: nel 2016 traffico in crescita, su tutta la rete +2,45%