domenica 19 febbraio | 13:21
pubblicato il 20/feb/2012 20:14

Rai/ La denuncia: Licenzia collaboratrici incinte. Azienda nega

"Non esiste alcuna clausola, sempre attenuti a norme tutela"

Rai/ La denuncia: Licenzia collaboratrici incinte. Azienda nega

Roma, 20 feb. (askanews) - Scoppia un nuovo caso in Rai. A dar fuoco alle polveri è stata la denuncia di una giornalista, Paola Natalicchio, che qualche giorno fa ha fatto riferimento ad una 'clausola maternità' nei contratti dell'azienda: norma che consentirebbe, ha sostenuto, di licenziare le consulenti-collaboratrici esterne se incinte. Immediata è scoppiata la polemica. "Il coordinamento dei giornalisti precari Errori di stampa ha chiesto alla Rai se risponda al vero la notizia seconda la quale una collaboratrice precaria possa essere mandata a casa in caso di gravidanza, quasi fosse una malattia o una colpa grave", ha fatto sapere Giuseppe Giulietti, portavoce di Articolo 21. E il senatore Pd Vincenzo Vita ha anticipato l'intenzione di sottoporre il caso in Vigilanza. Ma la Rai ha negato: nessun licenziamento per gravidanza, è stata la replica di viale Mazzini, che ha confermato di "essersi sempre scrupolosamente attenuta al rispetto delle norme a tutela della maternità". "Non esiste quindi alcuna clausola che possa consentire la risoluzione anticipata dei rapporti lavorativi del personale con contratto, anche a termine, di natura subordinata", ha sottolineato ancora la Rai. "Quanto ai contratti di lavoro autonomo - ai quali come noto non si applica lo Statuto dei Lavoratori né le relative tutele - la Rai precisa - è scritto ancora nella nota diffusa da viale Mazzini - di non essersi mai sognata di interrompere unilateralmente contratti di collaborazione a causa di maternità, a meno che questo non sia stato richiesto dalle collaboratrici interessate per ragioni attinenti allo stato di salute o alla loro sfera personale. Ogni qualvolta si sia determinata l'esigenza di interrompere i contratti - si ripete su richiesta delle collaboratrici - Rai si è sempre adoperata per assicurare loro futuri impegni professionali al venir meno della ragione impeditiva pur senza aver alcun obbligo di legge al riguardo".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Sinistra
Scotto lascia Si: non serve partito ma nuovo centrosinistra
Pd
Pd, fallisce nuova mediazione ma si tratta. Rischio scissione
Sinistra
Fratoianni si presenta: Sinistra italiana sia un vero partito
Pd
D'Alema: Renzi non sia prepotente, questione è nelle sue mani
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia