lunedì 27 febbraio | 20:07
pubblicato il 13/dic/2011 05:10

Rai/ In Cda il caso Minzolini, rischio impasse su successore

Garimberti fermo su rimozione ma veti incrociati su Maccari

Rai/ In Cda il caso Minzolini, rischio impasse su successore

Roma, 13 dic. (askanews) - Un Cda Rai al buio quello di oggi, convocato sul caso Minzolini. All'ordine del giorno un'unica delibera che preveda il trasferimento del direttore rinviato a giudizio per peculato e la nomina di Alberto Maccari, a tempo, fino al 31 gennaio. Un voto unico sul quale si rischia l'impasse a causa dei veti incrociati da parte della ex maggioranza e dei consiglieri di area centrosinistra. Sul tavolo del Consiglio, gli esiti dell'udienza preliminare con la quale Minzolini è stato rinviato a giudizio e i provvedimenti di nomina correlati. Il nodo riguarda proprio l'interpretazione della legge 97 del 2001 sugli effetti del giudicato penale nei confronti dei dipendenti delle amministrazione pubbliche. Per quanto riguarda il trasferimento a causa del rinvio a giudizio la legge prevede che, in caso avvenga per reati come il peculato, l'azienda sposti il dipendente "ad un ufficio diverso da quello in cui prestava servizio al momento del fatto, con attribuzione di funzioni corrispondenti, per inquadramento, mansioni e prospettive di carriera, a quelle svolte in precedenza. Trasferimento d'ufficio quindi. Ma la stessa legge prevede anche che se "per obiettivi motivi organizzativi, non sia possibile attuare il trasferimento di ufficio, il dipendente è posto in posizione di aspettativa o di disponibilità". Allo stato, tra i consiglieri di centrodestra, sarebbero tre i voti contrari alla delibera nel suo complesso: Verro, Petroni e Bianchi Clerici dicono no al trasferimento d'ufficio e alla nomina di Alberto Maccari, considerata una soluzione 'debole' per la guida del Tg1. A favore, o magari assenti al voto, potrebbero essere gli altri due consiglieri di area centrodestra, Rositani e Gorla. Difficile però che i tre consiglieri d'opposizione, convinti della necessità di spostare Minzolini, appoggino la nomina di Maccari: al Tg1 occorre una direzione "autorevole" - dichiarava ieri De Laurentiis -, e non una che manifesti "impotenza" - sottolineava Rizzo Nervo. Il quale, secondo alcune voci, su questo punto potrebbe anche fare un passo indietro, magari dopo aver votato la delibera a patto che sancisca il trasferimento di Minzolini. Punto sul quale anche Garimberti è fermo e pronto a rimettere il suo mandato. Insomma, quella ai voti domani, per dirla con un consigliere, "è una delibera che scontenta tutti".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrodestra
Zaia a Berlusconi: io candidato premier? E' una manfrina
Calcio
Renzi: Ranieri tradito dai suoi giocatori, ma tornerà...
Centrodestra
Salvini gela Berlusconi: no a Zaia leader e a doppia moneta
Pd
Renzi: D'Alema non ha mai digerito rospo, scissione Pd colpa sua
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech