mercoledì 07 dicembre | 20:14
pubblicato il 04/lug/2011 12:53

Rai/ Idv promuove class action, Lei cacci i dipendenti infedeli

Struttura 'delta' associazione a delinquere in servizio pubblico

Rai/ Idv promuove class action, Lei cacci i dipendenti infedeli

Roma, 4 lug. (askanews) - Italia dei Valori annuncia che promuoverà una class action a favore degli abbonati Rai per ottenere un risarcimento a loro vantaggio per l'informazione distorta ricevuta dal servizio pubblico a causa della cosidetta 'struttura Delta' operante a viale Mazzini, secondo le intercettazioni allegate all'inchiesta sulla P4 e chiede alla Dg Lorenza Lei di "cacciare dalla Rai i dipendenti pubblici infedeli". "La struttura 'Delta' - ha denunciato il portavoce Idv Leoluca Orlando- sembra sempre di più un'associazione a delinquere. I dirigenti infedeli che hanno lavorato per Mediaset e per Berlusconi devono pagare in prima persona perché hanno ingannato i cittadini che, versando il canone, sono i veri proprietari dell'azienda. Agiremo per vie legali e promuoveremo una class action per risarcire la Rai da coloro che hanno tradito il ruolo del servizio pubblico e hanno distrutto la libertà d'informazione.Lorenza Lei dica da che parte sta: non ha più alibi, deve dimostrare di non aver nulla a che fare con questa struttura parallela lobbista e piduista, prendendo provvedimenti nei riguardi di coloro che hanno infangato l'azienda pubblica e che ancora sono al loro posto. Dovrebbe disporre un'indagine interna e cacciare chi rema contro". "L'eliminazione di programmi di successo e di professionisti dell'informazione - ha proseguito il portavoce dipietrista - come Maria Luisa Busi, Milena Gabanelli, Michele Santoro, il duo Fazio-Saviano, Serena Dandini e tanti altri, dimostra come la struttura Delta sembra ancora operare in Rai. Il Dg batta un colpo ed esca dal suo imbarazzante silenzio o si renderà complice delle epurazioni e dell'implosione dell'azienda. Si capisce ora perché questo governo e questa maggioranza vogliono abolire le intercettazioni perché vogliono nascondere tutte le nefandezze che commettono". "L'Italia dei Valori, che non si è mai seduta al tavolo della spartizione delle poltrone del Cda Rai - ha concluso Orlando - chiede nuovamente a tutte le forze politiche di fare un passo indietro e di promuovere una riforma seria del servizio pubblico radio televisivo per restituirlo ai cittadini. Una riforma da fare contestualmente alla risoluzione del conflitto d'interessi, per evitare che in futuro si nomino altri Cda in applicazione della legge Gasparri, norma che abbiamo tutti il dovere civile di abrogare".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
L.Bilancio
L.Bilancio, governo pone fiducia in aula Senato su art.1
Fi
Fi, Berlusconi ricoverato. Zangrillo: stress, a breve dimesso
Pd
Pd, Orfini: ok sostegno militanti ma sia senza rabbia
Governo
Mattarella frena corsa al voto,prima sistema elettorale uniforme
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni