lunedì 23 gennaio | 12:17
pubblicato il 10/dic/2011 16:12

Rai/ Garimberti: Cambio alla guida del Tg1 è prioritario

Soluzione individuata è valida e dà garanzie professionalità

Rai/ Garimberti: Cambio alla guida del Tg1 è prioritario

Roma, 10 dic. (askanews) - E "più che opportuno, direi prioritario e fondamentale, un cambio alla guida del principale telegiornale Rai e la soluzione individuata per la transizione è valida e dà ampie garanzie di professionalità". E' quanto ha sottolineato in una nota il presidente della Rai, Paolo Garimberti. "Il provvedimento che è stato proposto al Cda nei confronti del direttore del Tg1, Augusto Minzolini - ha aggiunto - è sì un atto dovuto, come sostengono alcuni, ma per niente scontato. Chi fa tutto facile evidentemente non conosce i meccanismi decisionali della complessa governance della Rai, o finge di non conoscerli". "Nella situazione attuale dell'azienda, e nella difficoltà di conciliare il rispetto dei tempi della legge e della giustizia con i tempi decisionali della Rai, una scelta di transizione - ha osservato - si è rivelata l'unica possibile nelle condizioni date, sebbene si sia cercato di trovare una soluzione stabile per il Tg1. Personalmente ritengo comunque più che opportuno, direi prioritario e fondamentale, un cambio alla guida del principale telegiornale Rai e la soluzione individuata per la transizione è valida e da' ampie garanzie di professionalità". Secondo Garimberti "è evidentemente necessario far raffreddare l'atmosfera per avere il tempo per trovare per il Tg1 una soluzione definitiva, autorevole e largamente condivisa, che è comunque indispensabile dopo quello che è successo negli ultimi due anni dentro e intorno alla testata ammiraglia della Rai. Invece di tante declamazioni o di irrigidimenti, che sembrano solo tipici della politica politicante, sarebbe opportuno - ha concluso il presidente della Rai - che le forze sane della Rai e le forze politiche che tanto se ne occupano si concentrassero sull'unico vero grande problema che troppo spesso rende lunghi e faticosi i processi decisionali: la riforma di una governance che non è più adeguata a gestire un'azienda complessa che deve stare in modo concorrenziale sul mercato radiotelevisivo".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Conti pubblici
Berlusconi: nuova manovra? Rimasti conti da pagare di Renzi
Usa
Gentiloni: Trump? Collaboreremo ma abbiamo i nostri valori
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
In Sicilia i corsi per aspiranti Master of Wine
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4