venerdì 02 dicembre | 19:57
pubblicato il 10/dic/2011 16:12

Rai/ Garimberti: Cambio alla guida del Tg1 è prioritario

Soluzione individuata è valida e dà garanzie professionalità

Rai/ Garimberti: Cambio alla guida del Tg1 è prioritario

Roma, 10 dic. (askanews) - E "più che opportuno, direi prioritario e fondamentale, un cambio alla guida del principale telegiornale Rai e la soluzione individuata per la transizione è valida e dà ampie garanzie di professionalità". E' quanto ha sottolineato in una nota il presidente della Rai, Paolo Garimberti. "Il provvedimento che è stato proposto al Cda nei confronti del direttore del Tg1, Augusto Minzolini - ha aggiunto - è sì un atto dovuto, come sostengono alcuni, ma per niente scontato. Chi fa tutto facile evidentemente non conosce i meccanismi decisionali della complessa governance della Rai, o finge di non conoscerli". "Nella situazione attuale dell'azienda, e nella difficoltà di conciliare il rispetto dei tempi della legge e della giustizia con i tempi decisionali della Rai, una scelta di transizione - ha osservato - si è rivelata l'unica possibile nelle condizioni date, sebbene si sia cercato di trovare una soluzione stabile per il Tg1. Personalmente ritengo comunque più che opportuno, direi prioritario e fondamentale, un cambio alla guida del principale telegiornale Rai e la soluzione individuata per la transizione è valida e da' ampie garanzie di professionalità". Secondo Garimberti "è evidentemente necessario far raffreddare l'atmosfera per avere il tempo per trovare per il Tg1 una soluzione definitiva, autorevole e largamente condivisa, che è comunque indispensabile dopo quello che è successo negli ultimi due anni dentro e intorno alla testata ammiraglia della Rai. Invece di tante declamazioni o di irrigidimenti, che sembrano solo tipici della politica politicante, sarebbe opportuno - ha concluso il presidente della Rai - che le forze sane della Rai e le forze politiche che tanto se ne occupano si concentrassero sull'unico vero grande problema che troppo spesso rende lunghi e faticosi i processi decisionali: la riforma di una governance che non è più adeguata a gestire un'azienda complessa che deve stare in modo concorrenziale sul mercato radiotelevisivo".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Centrodestra
Berlusconi in tv propone leadership a Del Debbio: "ci rifletta"
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari