venerdì 20 gennaio | 02:39
pubblicato il 17/gen/2014 15:06

Rai: Fico, in Italia canone basso se confrontato ad altri Paesi Ue

Rai: Fico, in Italia canone basso se confrontato ad altri Paesi Ue

(ASCA) - Roma, 17 gen 2014 - ''Il canone? Se rapportato agli altri Paesi europei e' un canone basso, il punto e' se il servizio che viene fornito sia davvero pubblico e di qualita'''. Lo afferma Roberto Fico, M5S, presidente della commissione Vigilanza Rai a 24Mattino, su Radio24. ''Sono d'accordo con quanto detto da Attilio Befera - sostiene Fico - essendo il canone una tassa, la riscossione dovrebbe essere demandata all'Agenzia delle Entrate. Per quanto riguarda, invece, la pretesa della Rai di avere da Sky il loro database abbonati per stanare gli evasori del canone, trovo che la richiesta sia assurda. C'e' il diritto alla privacy e con questa contrattazione in corso siamo al limite''. Fico poi parla degli emolumenti di alcuni dirigenti Rai circolati negli ultimi giorni sui giornali. '' I dati sugli stipendi in Rai non sarebbero mai usciti se la Vigilanza non li avesse chiesti con forza. Per la prima volta nella storia - dice - ora sappiamo che ci sono, per esempio, tre dirigenti che guadagnano sopra i 500mila euro e conosciamo pure la retribuzione media delle posizioni piu' alte sia del comparto amministrativo sia di quello giornalistico. Non i nomi, certo, anche se - prosegue Fico - dal primo di gennaio e' scattato un obbligo di legge in tal senso. Quello di rendere pubblici i nominativi e gli stipendi di tutti i dipendenti e collaboratori. E' una norma che vale per tutte le societa' partecipate, non solo la Rai, e gli uffici preposti stanno lavorando a questo''. Alla domanda se il contrasto alla lottizzazione Rai sia una battaglia persa, il presidente della Commissione di Vigilanza risponde: ''No, si deve fare e si deve vincere anche se e' la cultura che ha caratterizzato il nostro Paese. Per avere un'idea, ieri l'ex presidente Rai Garimberti, in audizione, ci ha detto che nel CDA si perdevano settimane di tempo perche' non veniva approvata una fiction se considerata di destra o di sinistra e quindi vigeva la paralisi. Bisognerebbe - continua Fico - impedire a qualsiasi presidente del Consiglio di nominare il direttore generale e interferire nella governance della Rai e il modus operandi si cambia in tante maniere e spesso non c'e' neppure bisogno di una norma per fare le cose. In Vigilanza, per esempio, abbiamo attuato una spending review senza che ci fosse una legge a chiedercelo. Dei 30mila euro in dotazione alla commissione abbiamo usato, finora, 188 euro mentre tutte le passate commissioni hanno sempre speso l'intero importo a disposizione. Questo e' il cambiamento culturale di cui parlo''.

red-fdv

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
D'Alema: con Renzi non vinceremo mai, leader e premier nuovi
Terremoti
Terremoto, Salvini: il trombato Errani commissario è demenziale
Terremoti
Blog Grillo: col cuore in Abruzzo. E' il momento di essere uniti
Terremoti
Terremoto, Gentiloni presiede a Rieti vertice Protezione Civile
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Alibaba diventa partner delle Olimpiadi fino al 2028
TechnoFun
Italiaonline si conferma prima internet company italiana
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale