giovedì 08 dicembre | 19:46
pubblicato il 08/giu/2011 20:26

Rai/ Domani ok Cda a palinsesti, difficile voto unanime

Per Lei su Raitre tempi tecnici. Ipotesi Ballarò anti Santoro

Rai/ Domani ok Cda a palinsesti, difficile voto unanime

Roma, 8 giu. (askanews) - Ancora dibattito sui palinsesti autunnali Rai in Cda, via libera rinviato a domani e difficilmente sarà unanime. Diverse i nodi su cui oggi si è tornati in Consiglio, dai contratti dei programmi di Raitre, alle mancate conferme di alcuni programmi di Raiuno, alla sostituzione di Annozero su Raidue. E sulla vicenda Santoro il consigliere d'opposizione De Laurentiis che ha chiesto chiarezza specie sui termini economici del divorzio tra l'azienda e il conduttore. Un'uscita pesante, che in Rai qualcuno immagina di compensare contrapponendo Ballarò al programma che Santorò dovrebbe fare su La7 una volta conclusa la trattativa. Solo ipotesi ovviamente, su cui si ragionerà solo quando sarà certo l'approdo del conduttore sulla rete, e una volta capito quale programma farà. Ma sui 'marchi' di Raitre si è ancora un passo indietro: oggi i consiglieri d'opposizione Nino Rizzo Nervo e Giorgio Van Straten, a quanto si apprende, avrebbero chiesto garanzie sui contratti che, a palinsesti approvati, andranno messi in cantiere. Per Fabio Fazio, Giovanni Floris e Serena Dandini, tutti non dipendenti e dunque pronti - nel caso - a portare i loro programmi altrove, restano aperte le porte de La7: i contatti ci sono stati e ormai tutto si gioca sui tempi aziendali. L'intenzione, per i conduttori, è di aprire la nuova stagione di Che tempo che fa, Ballarò e Parla con me in Rai: ma non basta che i programmi siano in palinsesto, vanno definiti i contratti e non all'ultimo, come fu l'anno scorso con Masi Dg (Dandini ad esempio firmò ad un giorno dalla messa in onda), per poter innovare, conquistare volti nuovi. E' giugno insomma il termine ultimo entro cui bisognerebbe chiudere. Lei, in Cda, avrebbe assicurato che i contratti sono in cantiere, che necessitano solo di tempi tecnici e che quelli in corso sono solo normali approfondimenti. Diversa la versione che viene data dall'altra parte, con incontri definiti non semplici. Altra questione, il sostituto di Annozero: non vi sarebbero ipotesi di peso, e al momento in prime time il giovedì andrà un telefilm. Nodi anche per Raiuno, dove sarebbe saltato il contenitore pomeridiano affidato a Paola Perego mentre dovrebbe rientrare la Domenica in di Lorella Cuccarini. Domani l'atteso via libera, con la presa d'atto formale. Ma potrebbe non essere unanime: da vedere se per Rizzo Nervo e Van Straten saranno sufficienti le garanzie date da Lei per Raitre, e non è certo l'assenso di De Laurentiss, che terza rete a parte, lamenta in generale poca innovazione nei palinsesti.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Pontassieve riaccoglie Renzi: "non molli ora, deve andare avanti"
Governo
Mattarella apre consultazioni,l'arbitro silente debutta in campo
Governo
Consultazioni Mattarella fino a sabato, chiudono Fi M5s e Pd
Governo
Crisi, Grillo: elezioni subito senza scuse, legge elettorale c'è
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni