martedì 28 febbraio | 03:29
pubblicato il 06/set/2011 19:55

Rai/ Domani in Cda caso Dandini,attesa per Lei su nodo produzione

Verro: Attendiamo proposta. Per opposizione soluzione possibile

Rai/ Domani in Cda caso Dandini,attesa per Lei su nodo produzione

Roma, 6 set. (askanews) - Avvio ritardato e futuro comunque incerto per Serena Dandini in Rai. Parla con me non partirà il 28 settembre, come inizialmente previsto ma domani, dopo il dibattito in Cda, si capirà se tornerà o meno sugli schermi di Raitre, come pure previsto in palinsesto. All'ordine del giorno del Consiglio, il primo dopo la pausa estiva, non c'è un punto specifico, ma del tema si parlerà: resta da sciogliere il nodo produzione e da capire se e come il Dg Lorenza Lei proporrà di soddisfare i criteri di policy aziendale sull'uso di risorse interne, senza togliere il programma alla produzione di Fandango. Per Lei il punto di partenza sono le ultime interpretazioni legislative che riconoscono la Rai come società di diritto pubblico, e in quanto tale come azienda che deve ricorrere a gare d'appalto per produzioni esterne, o usare le proprie risorse per realizzare i programmi. Prima soluzione impraticabile per i tempi, la seconda perché significherebbe - per Fandango - snaturare il programma al punto da renderlo altro. E' al Dg che si guarda quindi per capire come sciogliere il nodo, "aspettiamo la sua proposta" dice il consigliere di maggioranza Antonio Verro, ricordando che Parla con me è nei palinsesti autunnali. Certo per l'azienda Dandini è "una risorsa strategica" ma c'è la "primaria esigenza" di valorizzare a pieno la capacità produttiva Rai. Come fare per soddisfarla senza stravolgere il programma e trovare una soluzione simile a quella dei Raccomandati di Carlo Conti, prodotto dalla Ldm? Diverse le possibilità, domani l'opposizione in Consiglio le ricorderà. Tra queste, superare il nodo Fandango secondo il criterio dell'infungibilità; oppure, visto che i risparmi di una produzione tutta interna (nuovi contratti al posto di quelli Fandango) ammonterebbero a circa 2 mila euro a puntata - il 3% del costo - tentare la via di uno 'sconto' da chiedere alla società di produzione. Da vedere se e quale sarà la proposta di Lei, sulla quale poi voterebbe il Consiglio (competente sui contratti superiori ai 2,5 mln di euro), magari nella seduta della prossima settimana. In tempo per una partenza, seppur ritardata, del programma. A meno di una nuova battuta d'arresto, che potrebbe accelerare il passaggio a La7 e portare ad un nuovo divorzio per la Rai.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrodestra
Zaia a Berlusconi: io candidato premier? E' una manfrina
Centrodestra
Salvini gela Berlusconi: no a Zaia leader e a doppia moneta
Calcio
Renzi: Ranieri tradito dai suoi giocatori, ma tornerà...
Pd
Pd, D'Alema: attacchi Renzi? Non vorrei alimentare ossessioni
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech