mercoledì 22 febbraio | 05:23
pubblicato il 29/set/2014 11:15

Rai: coordinamento cdr TGR, e' il momento di cambiare

(ASCA) - Roma, 29 set 2014 - ''Per troppi anni le nostre richieste di cambiamento sono rimaste istanze inascoltate.

Abbiamo chiesto a gran voce l'affermazione di una Rai - servizio pubblico televisivo - libera dai vincoli imposti dalla politica, in grado di poter realizzare la propria missione utilizzando appieno il potenziale umano e professionale delle persone che vi lavorano. Un'unica azienda con una missione condivisa, che sappia integrare al meglio specializzazioni e presenza sul territorio, in grado di produrre ''dall'interno'' un'informazione ricca, diversificata, per dare risposte adeguate alla domanda di informazione sempre piu' ampia e completa''. Lo si legge nel documento del coordinamento dei cdr della TGR Rai.

''Il progetto di riorganizzazione di Gubitosi - oltre a tralasciare completamente la necessita' di procedere in parallelo con la riforma della governance e del finanziamento- sembra concentrarsi unicamente sulla necessita' di realizzare economie, senza affrontare il nodo della missione editoriale'', hanno detto i cdr spiegando che ''lo fa con le testate nazionali e, ancor di piu', con le redazioni regionali. Quando definisce le funzioni della Newsroom 2 che vede unificate le redazioni di TgR, Tg3 e Rainews24, hanno aggiunto i giornalisti, ''Gubitosi si limita a definire il ruolo della TGR come ''Ufficio di corrispondenza locale'', valutando l'apporto delle sedi in termini di solo risparmio e non come valore condiviso.

Crediamo che la presenza capillare sul territorio sia l'asset strategico proprio della Rai - servizio pubblico, fattore che ci qualifica e contraddistingue dai network privati''.

I risultati di ascolti delle iniziative editoriali locali avviate negli ultimi anni, viene ricordato nel documento, ''sono la prova di una forte domanda in questa direzione e di un diffuso apprezzamento del lavoro svolto dalla TgR. Le redazioni regionali per troppo tempo si sono viste strette da un lato, dagli appetiti politici locali, e dall'altro considerate come ''prodotto informativo di secondo piano'' rispetto alle testate nazionali (nel caso del TG3 poi considerate addirittura ''indegne'' aprioristicamente di poter collaborare con servizi nelle edizioni principali).

Siamo i primi ad invocare una riforma profonda, che consideri redazioni nazionali, territoriali, uffici di corrispondenza nel mondo, come una rete integrata e non come una piramide accentrata''. I cdr si sono dichiarati ''pronti ad affrontare il cambiamento, lo stiamo gia' facendo impegnandoci nel processo di digitalizzazione che assorbe energie preziose a redazioni con gia' forti carichi di lavoro. Lo facciamo volentieri cogliendo questo investimento atteso a lungo come un'occasione di integrazione e di ottimizzazione del nostro lavoro. Chiediamo pero' di poter essere protagonisti di questo cambiamento portando al tavolo del confronto aziendale le proposte di autoriforma elaborate all'interno dell'Usigrai attraverso l'analisi degli altri servizi pubblici europei nella iniziativa #Rai2016. Chiediamo e allo stesso tempo offriamo all'azienda - hanno continuato - un confronto costruttivo, che parta dai punti comuni delle proposte per costruire un nuovo modello informativo condiviso. Un confronto vero, non la comunicazione di decisioni gia' prese unilateralmente. Non e' questo il tempo delle sterili contrapposizioni, delle difese di uno status quo che noi per primi abbiamo sempre chiesto di superare. Ma e' il momento di pretendere il rispetto per il ruolo che i giornalisti Rai hanno sempre avuto nella storia dell'azienda. Al sindacato chiediamo lo sforzo di essere protagonista del cambiamento, di portare a sintesi posizioni diverse, di sostenere il lavoro quotidiano dei giornalisti impegnati ogni giorno nelle redazioni e sul territorio. All'azienda chiediamo un confronto costruttivo, nell'interesse di tutti''.

com-fdv

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Pd
Pd, Emiliano: non faccio a Renzi il favore della scissione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia