lunedì 23 gennaio | 14:02
pubblicato il 31/mag/2012 21:16

Rai/ Cda si spacca, Monti punta a rinnovo governance

Governo medita mossa ad assemblea del 6/6, ma partita complicata

Rai/ Cda si spacca, Monti punta a rinnovo governance

Roma, 31 mag. (askanews) - La partita è "affascinante", anzi "conturbante" e addirittura "eccitante", e potrebbe essere vicina al momento decisivo. Perchè lo stop arrivato oggi dal cda Rai ai nuovi palinsesti, con i consiglieri di area centrodestra unici a votare a favore, sembra il preludio a quel "miglioramento" della governance di viale Mazzini che il premier Mario Monti è tornato ad affacciare pochi giorni fa, 'in trasferta' su La7. Anche se nel governo per primi si è consapevoli della difficoltà della partita: "L'intenzione di intervenire c'è tutta, ma non è detto che basti la volontà", ammette una fonte dell'esecutivo. A spingere per un rinnovo della governance, anche il presidente della Vigilanza Sergio Zavoli, altrimenti "il rilancio è a rischio". "Non è escluso che ci sia qualche miglioramento e credo ci sia spazio per miglioramenti nella governance", aveva detto Monti ospite di 'Piazzapulita' giovedì scorso. "E poi - aveva aggiunto - ci saranno le nomine". Tenendo sempre presente che "allo Stato e al ministro dell'Economia, che in questo momento sono io, competono dei doveri come azionista e non intendo sottrarmi a questi doveri". E fonti di governo spiegano oggi che "potremmo non essere lontani" dalla mossa che Monti sta meditando da mesi per restituire alla Rai una gestione aziendale efficiente. Il riferimento dovrebbe essere alla prossima assemblea degli azionisti convocata per il 6 giugno: in quell'occasione il governo potrebbe rendere noti i nomi del presidente e del consigliere espressione del Tesoro, e sempre in quell'occasione l'assemblea potrebbe dare mandato al prossimo Cda di delegare parte del suo potere al nuovo presidente. Ma la vicenda è complessa, la questione delicata, e le stesse fonti ammettono che non è ancora deciso se ci si muoverà davvero il 6 giugno: "Ogni giorno che passa la partita si ingarbuglia, e non è detto che tra 10 giorni saremo pronti". L'idea di Monti resta sempre quella di un 'super- presidente', quasi un commissario straordinario, al quale affidare poteri inediti per riuscire magari a sganciare la Rai dalle logiche partitiche. Un'idea che oggi ha ricevuto nuovo impulso dalla bocciatura dei palinsesti da parte del Cda. A favore hanno votato solo i quattro consiglieri di area di centrodestra: Guglielmo Rositani, Antonio Verro, Giovanna Bianchi Clerici e Alessio Gorla. Mentre hanno votato contro il consigliere di area di centrosinistra Giorgio Van Straten e quello indicato dal ministero dell'Economia Angelo Maria Petroni. Astenuti invece, e quindi determinanti ai fini della mancata approvazione, il presidente Paolo Garimberti e il consigliere di area Udc Rodolfo De Laurentiis. Il voto che pesa, ragionano fonti parlamentari, è ovviamente quello dell'emissario del Tesoro, e quindi dello stesso Monti: "Il no di Petroni non può che essere stato ispirato direttamente dal premier", e altrettanto ovviamente "per preparare il terreno alla sua mossa". Che però di ostacoli rischia di incontrarne, nella 'strana maggioranza' che lo sostiene, e che per ora esprime il Cda da cui comunque dovrà passare l''idea' di Monti. Da un lato il Pdl, da sempre ostile a ogni modifica della legge Gasparri e che oggi ha dovuto incassare la sconfessione del lavoro del dg Lorenza Lei; ma dall'altro anche il Pd, che insiste nel chiedere una 'rivoluzione' a viale Mazzini. Anche oggi Pier Luigi Bersani ha risposto che bisogna "cambiare la governance della Rai per rompere il rapporto perverso tra l'azienda e la politica", ad Antonio Di Pietro che gli chiedeva di individuare assieme un criterio trasparente per le nomine. L'obiettivo, spiegano fonti del Pd è o incassare il risultato politico della riforma della governance o rinviare fino alle elezioni il rinnovo dei vertici, per contare su un Parlamento a maggioranza centrosinistra. Insomma, nonostante le intenzioni di Monti, riuscire a mettere d'accordo i partiti rischia di essere ancora difficile.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Conti pubblici
Berlusconi: nuova manovra? Rimasti conti da pagare di Renzi
Usa
Gentiloni: Trump? Collaboreremo ma abbiamo i nostri valori
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Samsung: incidenti del Galaxy Note 7 causati da batteria
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4