lunedì 20 febbraio | 12:30
pubblicato il 08/set/2014 17:16

Rai: Brunetta, trasparenza? E' imbroglio, governo gioca su equivoco

(ASCA) - Roma, 8 set 2014 - ''Per la quinta volta nel corso di quest'anno richiamo l'attenzione del governo sulle norme in tema di trasparenza dei compensi Rai, purtroppo questo esecutivo fino ad ora ha ampiamente dimostrato di brancolare nel buio e di non rispettare le chiarissime norme vigenti al riguardo''. Lo ha detto Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera, discutendo in Aula a Montecitorio una sua interpellanza urgente al governo. ''Da quasi un anno - ha sottolineato il presidente dei deputati azzurri - e' stata approvata la legge 30 ottobre 2013, n. 125, di conversione del decreto-legge 31 agosto 2013, n. 101, recante misure di razionalizzazione della PA, che prevede per la Rai l'obbligo di comunicare al Dipartimento della Funzione pubblica della Presidenza del Consiglio dei ministri e al Ministero dell'Economia e delle finanze tutti gli opportuni dati relativi al costo annuo del personale comunque impiegato, in conformita' a specifiche procedure definite d'intesa con i predetti dicasteri''. Dichiarandosi ''assolutamente insoddisfatto'' per la risposta del governo, il presidente Brunetta ha aggiunto: ''Qui si gioca sull'equivoco, per cui la mancata pubblicazione del costo del lavoro relativo ai singoli rapporti di lavoro dipendente e autonomo, come previsto dalla legge 30 ottobre 2013 n. 125, e' successiva alla normativa citata del 2001 sul costo del lavoro. Ed e' successiva anche al parere formulato dalla Commissione di vigilanza rispetto al contratto di servizio che ribadisce gli obblighi della succitata legge 30 ottobre 2013 n. 125. Per cui - ha continuato - la nota che fa riferimento agli obblighi previsti dalla normativa del 2001, viene superata dalla normativa 30 ottobre 2013 n. 125, e specificamente per la Rai richiede non una generica valutazione di costi, ma i costi relativi ai singoli rapporti di lavoro dipendente o autonomo. A questo riguardo, le osservazioni che ben conosco sulla competizione, il mercato, la concorrenza e cosi' via, sono superate dalla legge, non solo dalla legge succitata, ma anche dal contratto, dal parere parlamentare della Commissione di vigilanza Rai. Piu' di cosi'. Qui si vuole giocare sull'equivoco''. Per Brunetta ''qui siamo di fronte a un imbroglio. A un imbroglio interpretativo. Il Parlamento chiede che venga rispettata una legge e un parere parlamentare di una Commissione bicamerale, la Commissione parlamentare di vigilanza. Si vuole rispettare la legge del 30 ottobre? Lo dica il governo: si' o no. Se si' lo faccia, se no cambi la legge e si assuma tutte le responsabilita' di cambiare la legge e chieda al Parlamento di cambiare il proprio parere sul contratto di servizio. Servono risposte e serve serieta' nei confronti dei cittadini e nei confronti del Parlamento che vorrebbe vedere applicate le leggi'', ha concluso Brunetta. com-fdv

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, ultima trattativa con Emiliano su primarie dopo comunali
Pd
Cuperlo a Renzi: scendi da auto, non fare 'Gioventù bruciata'
Pd
Renzi si dimette da segretario Pd, ora candidature o congresso
Pd
Renzi apre congresso Pd, minoranza accusa: "Sceglie scissione"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia