martedì 21 febbraio | 23:07
pubblicato il 13/dic/2013 17:23

Rai: Brunetta, contro Preziosi incomprensibili attacchi intimidatori

(ASCA) - Roma, 13 dic - ''Da alcuni giorni si susseguono attacchi incomprensibili e politicamente mirati ai danni del direttore del Giornale Radio e di Radio 1, Antonio Preziosi.

Questi attacchi, provenienti per lo piu' da alcuni esponenti del Partito democratico, di Sel e di Scelta Civica (Anzaldi, Migliore, Molea) costituiscono una sorta di intimidazione nei confronti di un direttore del servizio pubblico Radiotelevisivo''. Lo dichiara in una nota Renato Brunetta, presidente dei deputati di Forza Italia.

''Non si capisce quali addebiti vengano mossi. Una cosa e' presentare interrogazioni ed esposti su comportamenti certificati, come ho fatto io nei confronti di Lucia Annunziata, Fabio Fazio e Giovanni Floris, altro e' attaccare per mero pregiudizio politico. Ci auguriamo che il direttore generale della Rai, Luigi Gubitosi, usi anche nei confronti del direttore Preziosi la stessa determinazione con la quale ha difeso altri direttori della Rai'', conclude Brunetta.

com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Pd
Pd, Emiliano: non faccio a Renzi il favore della scissione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia