lunedì 05 dicembre | 15:29
pubblicato il 19/lug/2013 11:16

Rai: Brunetta, 63 righe per rispondere a tre interrogazioni

(ASCA) - Roma, 19 lug - ''Tre interrogazioni che toccano il cuore della questione Rai: il pluralismo. Pagine di documentazione. Domande del controllore al controllato (il Parlamento alla Rai). Risposte? 63 righe in tutto. Neanche Tacito sarebbe riuscito a far meglio. Ungaretti si inchinerebbe al genio. Un meraviglioso copia e incolla, senza neanche l'uso della colla e delle forbici''. Cosi' Renato Brunetta, capogruppo del Pdl alla Camera dei deputati, su ''Il Foglio''. ''Cosi' sfacciato - sottolinea - perche' con ogni evidenza la Rai crede che il Parlamento sia una specie di maestro tonto e tontolone che sbraita ma basta fornirgli un pezzetto di carta fotocopiata e si sazia''. ''Annunziata, Fazio e Floris. Cifre diverse e stili diseguali. Ma con un dato certo: nella presenza di ospiti e nella rappresentazione della realta' il pluralismo a ''In mezz'ora', ''Che tempo che fa' e ''Ballaro'' e' andato a ramengo, e la bilancia della par condicio ha avuto il piatto di sinistra sfondato dalla esagerata prevalenza di Pd, alleati, intellettuali e sindacalisti annessi e connessi, rispetto al resto del mondo. Non e' una questione di pignolerie beghine - continua l'ex ministro - ma di sostanza della democrazia che dovrebbe esprimersi nel servizio pubblico. Ed esso e' regolato da un contratto di servizio, che prevede l'osservanza di leggi, magari noiose, ma la vita sociale esige la condivisione di valori di fondo (diritto di ogni parte culturale e politica a esprimersi) espressi in norme a volte antipatiche. Insomma: il sottoscritto ha impilato una sequenza favolosa di favoritismi ai compagnucci, e ne ha chiesto conto come suo dovere ai capi della Rai, oltre che segnalare le sperticate manchevolezze all'Autorita' garante delle comunicazioni''. ''Il Parlamento che esprime in fondo il popolo sovrano, padrone e pagatore della Rai, ha il compito di far valere il contratto di servizio pubblico che giustifica il canone. I massimi dirigenti della Rai ricevono interrogazioni documentate e piuttosto tragiche sull'inadempienza. Ecco che il direttore generale Gubitosi e la presidente Tarantola chiedono risposta ai grandiosi uffici delle relazioni istituzionali e delle relazioni esterne, all'ufficio legale, i cui cervelli si uniscono e si scontrano in un epocale brainstorming. Risultato della prodigiosa macchina del pensiero? 63 righe di cui la meta' si ripete nei tre fogli.

La par condicio in Rai forse vuol dire dare risposte uguali a domande diverse'', conclude Brunetta. com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, Grillo: addio Renzi, ha vinto la democrazia
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari