domenica 22 gennaio | 09:57
pubblicato il 24/lug/2016 14:41

Rai, Anzaldi (Pd): "Dirigenti strapagati che assumono esterni"

Trasparenza su stipendi attesa da anni arriva grazie al governo

Rai, Anzaldi (Pd): "Dirigenti strapagati che assumono esterni"

Roma, 24 lug. (askanews) - "Gli italiani che in questa domenica di luglio sono sotto l'ombrellone oppure a lavoro hanno scoperto dai giornali di oggi un'amara sorpresa: nel servizio pubblico radiotelevisivo ci sono decine di dirigenti con stipendi da favola, pagati spesso per non fare nulla. E l'azienda come intende affrontare questo problema? Continuando ad assumere esterni?". E' quanto scrive sulla sua pagina Facebook il deputato del Partito democratico e segretario della commissione di Vigilanza Rai, Michele Anzaldi.

"Grazie alla Riforma Rai - spiega Anzaldi - varata dal governo, approvata in fretta per dare all'azienda i primi strumenti per imprimere una svolta visibile al proprio operato, la Rai è stata costretta a pubblicare i compensi dei propri dirigenti. Lo prevede l'articolo 2 della Riforma, che ha imposto l'obbligo di pubblicazione del 'Piano per la trasparenza e la comunicazione aziendale' con tutti gli stipendi di amministratori e dirigenti. C'è voluta una legge ad hoc, perché la Rai, anche di fronte alle insistenze della commissione di Vigilanza negli ultimi anni, si era sempre rifiutata di adempiere a quella che per la tv pubblica avrebbe dovuto essere la condizione minima di trasparenza nei confronti dei cittadini che la finanziano con il canone. Peraltro la commissione di Vigilanza, all'unanimità l'11 novembre 2015, aveva approvato un parere con il quale chiedeva alla Rai di mettere nello Statuto il tetto da 240mila euro".

"Le prime indiscrezioni - aggiunge il deputato dem - mostrano decine di compensi alla Rai ben oltre il tetto imposto dal governo ai manager pubblici (240mila euro, comunque un signor stipendio), che riguardano anche dirigenti, conduttori e direttori di cui i telespettatori hanno da tempo perso qualsiasi memoria. Persone che si pensava avessero cambiato lavoro, azienda e in alcuni casi anche Paese. Invece la Rai continua a pagarli profumatamente, spesso per stare chiusi in un ufficio senza alcuna mansione. Possibile che di fronte a questi casi la Rai non abbia voluto neanche continuare ad applicare perlomeno il tetto da 240mila euro? Possibile che con decine di professionisti che prendono queste cifre, la Rai continui ad andare avanti con le assunzioni di esterni, i cui compensi, come vediamo, sono ben al di sopra del tetto? Peraltro, secondo quanto riportato sulla stampa, ai compensi pubblicati si aggiungerebbero anche ulteriori benefit, parti variabili dello stipendio, carte di credito, abitazioni: questo dato quando verrà pubblicato? E quanto pesa? Se non arriveranno risposte, il governo dovrebbe valutare di verificare se la norma sulla trasparenza sia effettivamente rispettata. Perché non è il presidente della Vigilanza Roberto Fico a chiedere chiarezza su questo?"

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Parma
Pizzarotti: mi ricandido, non lascio un buon lavoro a metà
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4