venerdì 24 febbraio | 18:48
pubblicato il 23/giu/2011 21:11

Rai/ Al via inchiesta su P4. E parte 'mission' su Fazio-Saviano

Ok interim Tg2, domani nuovo Cda anche su caso Santoro

Rai/ Al via inchiesta su P4. E parte 'mission' su Fazio-Saviano

Roma, 23 giu. (askanews) - Doppio binario per reagire sul fronte P4: audit interno ed azione legale a tutela dell'azienda. La Rai si muove, con il Cda che approva oggi la proposta del Dg Lei. E la 'mission' per riportare in Rai Roberto Saviano e il format di Vieni via con me, gioiello della scorsa stagione, anche con Fabio Fazio: il suo contratto, per Che tempo che fa, arriva in Consiglio il 7 luglio. Due settimane per trovare la quadra. A chiedere l'audit sul ruolo 'occulto' di Luigi Bisignani in Rai, la regia dietro le scelte dell'ex Dg Mauro Masi, i suoi presunti interventi su programmi e testate era stato, già lunedì, il Presidente Paolo Garimberti: chiarezza e pulizia diceva il Presidente davanti agli inserzionisti Sipra, e il giorno dopo davanti la Commissione di Vigilanza. Lo stesso giorno, stessa richiesta dei tre consiglieri d'opposizione. E oggi la proposta del Dg Lorenza Lei, accolta dal Cda che esprime "forte preoccupazione" e la sostiene sui due fronti di azione: l'audit interno per "verificare eventuali indebite interferenze nell'attività gestionale" e il mandato ad un legale - il nome dovrebbe essere quello di Paola Severino, docente presso la Luiss - " di assistere l'Azienda in ogni sede competente per valutare le iniziative opportune a tutela dell'immagine della Rai". C'è poi il caso Fazio e la perdita annunciata di Vieniviaconme, programma pronto per approdare su La7 da maggio a giugno 2012 con quattro serate speciali: l'annuncio oggi dall'a.d. Di Timedia Giovanni Stella dopo una telefonata con l'autore di Gomorra. Ma per Garimberti nulla è detto e nulla è perso, la 'mission' è riprendere Saviano: ci sono ancora "margini", dichiara il Presidente, del resto sarebbe "assurdo e autolesionista" perdere un programma con quel successo, e la scelta non va fatta su base di posizioni ideologiche o di parte, ma solo aziendali. Garimberti si rimette alla "sensibilità" del Dg Lorenza Lei, che oggi, a quanto si apprende, avrebbe convenuto sul fatto che il programma è un successo e la coppia una risorsa, riservandosi di valutare anche sulla base delle indicazioni del Consiglio. E sarà il Cda, il 7 luglio, ad affrontare il contratto per Che tempo che fa di Fabio Fazio, ma è nelle competenze del Dg gestire la trattativa per riportare il conduttore in Rai con Saviano per Vieniviaconme. Allo stato il nodo riguarderebbe l'esclusiva, che Fazio vorrebbe con deroga per portare il programma con Saviano altrove. Temi che torneranno in Cda forse anche domani, quando si affronterà il caso Santoro, con l'ordine del giorno del consigliere De Laurentiis sui chiarimenti per l'aspetto economico e la richiesta di valutare la proposta del conduttore di collaborare con la Rai (non è ancora conclusa la trattativa di Santoro con La7). Sul fronte nomine, il via libera unanime al nuovo interim per la Direzione di Raidue con Marcello Masi.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Ncd
Alfano: i moderati tornino uniti contro il populismo
Governo
Guerini: assurdo legare data primarie Pd a elezioni politiche
Campidoglio
Grillo: forza Virginia, giornalisti rispettino privacy Raggi
Pd
Nel Pd braccio di ferro su data primarie, Orlando in campo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech