domenica 04 dicembre | 09:30
pubblicato il 20/giu/2014 10:22

Quote latte: Fava (Lombardia), perplesso da proposta Austria e Germania

Quote latte: Fava (Lombardia), perplesso da proposta Austria e Germania

(ASCA) - Milano, 20 giu 2014 - ''La richiesta capitanata dall'Austria di modificare le quote latte attraverso il ricalcolo dei parametri di grasso mostra sia un'Europa a due velocita', sia la solita inconsistenza dell'Italia di fronte al moloch comunitario''. Lo dice Gianni Fava assessore all'Agricoltura di Regione Lombardia.

''Quando era l'Italia a lamentare un'assegnazione insufficiente di quote per la produzione di latte veniva sistematicamente ignorata - ricorda Fava - se non irrisa per l'incapacita' di ministri dell'Agricoltura che avevano sottovalutato o barattato le quote con altri benefici. Oggi, pero', che l'Austria, la potente Germania e un manipolo di altri stati suggerisce l'ipotesi di un ricalcolo, come dovremmo comportarci?''.

''Non voglio entrare nel merito di una questione che qualche benpensante non vedrebbe l'ora di strumentalizzare - prosegue Fava - ma semplicemente richiamo l'attenzione su un tema che deve essere affrontato con equita'. O il ricalcolo del grasso vale per tutti i Paesi e viene applicato in maniera equa anche nelle annate precedenti, oppure, se bisogna fare l'ennesimo piacere alle potenze del latte che hanno mostrato in maniera chiara di aver impostato una politica produttiva aggressiva sul versante lattiero, e' meglio che l'Italia si faccia sentire e tuteli i propri produttori''.

''Ritengo utile la costituzione di un Osservatorio sul futuro del latte - prosegue l'assessore lombardo - ma solo nella misura in cui permette di impostare politiche lungimiranti, condivise e rivolte ai produttori di tutti i Paesi dell'Ue.

Se invece l'Osservatorio deve essere inteso come uno strumento per perpetrare misure inique, per moltiplicare il carico burocratico o per stabilire provvedimenti favorevoli esclusivamente a determinati produttori o potentati della filiera lattiero casearia, allora e' meglio lasciar perdere''.

res/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Riforme
Referendum, sfida decisiva per la madrina delle riforme Boschi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari