martedì 28 febbraio | 09:33
pubblicato il 18/gen/2013 17:21

Quote latte: Boccia(Pd), italiani hanno dovuto pagare tassa-Lega

Quote latte: Boccia(Pd), italiani hanno dovuto pagare tassa-Lega

+++2 miliardi e mezzo presi dalla tasche di tutti per compiacere oltre 800 furbetti+++.

(ASCA) - Roma, 18 gen - ''Forse la Lega non c'entra con le perquisizioni dei giorni scorsi, ma sulla vicenda delle quote latte non siamo affatto sicuri che siano fondate le parole di Maroni sulla limpidezza del comportamento del suo partito.

Anzi, crediamo gli italiani abbiano dovuto pagare una sorta di tassa-Lega per coprire i furbetti che non si sono mai messi in regola e i dati forniti dalla Corte dei Conti ci danno ragione. L'inchiesta in corso spieghera' e chiarira' il resto di questo opaco contesto''.

Lo dichiara Francesco Boccia, coordinatore della commissioni economiche del Gruppo Pd della Camera e candidato in Puglia alle elezioni del 24-25 febbraio.

''E' infatti di oltre 2 miliardi e mezzo di euro -spiega Boccia- la cifra pagata cash dal nostro Paese per le multe.

Cifra sottratta ai fondi per le politiche agricole, dopo che era stata gia' abbonata una considerevole somma in sede comunitaria. Oggi resterebbero da riscuotere circa 1,5 miliardi (parte dei crediti non sono esigibili perche' alcune aziende sono fallite), ma l'azione dei governi di centro destra e in particolare dei ministri Alemanno e Zaia, che si sono succeduti alle Politiche agricole, ha ostacolato l'azione di riscossione anche togliendo la competenza ad Equitalia e ha prodotto due mirabili interventi di rateizzazione che hanno fruttato per il primo, nel 2003, poco piu' di 200 milioni e per il secondo, dal 2009 ad oggi, la strepitosa cifra di 4 milioni di euro. Per non parlare di quanto ha combinato l'allora ministro dell'Economia, Giulio Tremonti, che per ottenere la dilazione delle multe in sede Ecofin nel 2003 pose il veto su importanti provvedimenti di natura fiscale. In sostanza tutti i contribuenti italiani si sono dovuti fare carico della ostinata posizione di oltre 800 furbetti che non si sono mai voluti mettere in regola a fronte di oltre 15 mila allevatori onesti che hanno fatto ingenti sacrifici e investimenti per pagare le quote e per stare sul mercato correttamente''. ''E' una storia sconcertante che va sanata e non si dovra' mai piu' ripetere. Anche su questo il centrosinistra al governo dara' una garanzia di cambiamento'' conclude Boccia.

com-min

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrodestra
Zaia a Berlusconi: io candidato premier? E' una manfrina
Centrodestra
Salvini gela Berlusconi: no a Zaia leader e a doppia moneta
Calcio
Renzi: Ranieri tradito dai suoi giocatori, ma tornerà...
Pd
Pd, D'Alema: attacchi Renzi? Non vorrei alimentare ossessioni
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech