martedì 21 febbraio | 13:52
pubblicato il 11/nov/2011 21:33

Quirinale va avanti, Napolitano: Urge azione governo condivisa

Capo Stato parla con Wulff e Sarkozy, che gli esprimono fiducia

Quirinale va avanti, Napolitano: Urge azione governo condivisa

Roma, 11 nov. (askanews) - Il Pdl si spacca sull'ipotesi di un governo Monti, la Lega tira fuori l'idea di un esecutivo Dini, Di Pietro e - fuori dal Parlamento - Vendola continuano a fissare i loro paletti. Insomma il gioco per la soluzione della crisi di governo si complica. Ma il Quirinale va avanti spedito verso una "efficace e condivisa azione di governo". Giorgio Napolitano ne parla al telefono con il presidente tedesco Christian Wulff, il quale non è l'unica figura istituzionale estera a parlargli in questa ennesima giornata densa di "impegni", come il capo dello Stato ha avuto modo di dire ai nuovi soci dell'Accademia dei Lincei in un brevissimo incontro al Colle. Altri leader di peso hanno voluto sentire da Napolitano le nuove sugli sviluppi della situazione politica in Italia. Dopo la telefonata del presidente Usa Barack Obama ieri, il capo dello Stato oggi ha ricevuto quella di Nicolas Sarkozy. Un colloquio definito "cordiale" da una nota del Colle: è emersa la fiducia del presidente francese nella possibilità che l'Italia si dia un "governo capace" di affrontare la crisi e contribuire a rafforzare l'euro "al più presto". In serata, il presidente della Repubblica ha ricevuto al Quirinale il presidente del Consiglio Ue, Herman van Rompuy, che dopo si è incontrato con il presidente del consiglio dimissionario Silvio Berlusconi. La prospettiva di un altro governo per l'Italia è ormai una realtà anche all'estero. Se ne sono accorti i mercati, che anche oggi hanno dato segnali positivi. Sono in attesa i partner europei e d'oltreoceano. Dal Quirinale, seguono gli sviluppi del dibattito politico in corso con la consapevolezza che comunque faranno testo le consultazioni che il capo dello Stato potrebbe avviare già domani sera, dopo le dimissioni del presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. Sarà in quella sede, a colloquio con i gruppi parlamentari, che il presidente della Repubblica avrà tutte le risposte necessarie per avviare la 'pratica' per un nuovo governo di 'salvezza nazionale'. Solo al Colle - e non nelle dichiarazioni ai media - verranno pronunciati i sì o i no ad esecutivi condivisi, largamente auspicati da Napolitano per traghettare il paese fuori dalla crisi. (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Enrico Letta: Pd non può finire così, attonito da cupio dissolvi
Pd
Ultime ore per arginare la scissione nel Pd, occhi su Emiliano
Pd
Rossi: io già fuori dal Pd, spero Emiliano sia conseguente
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ictus, movimento e linguaggio tra le funzioni più colpite
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Olio extravergine, a Sol d'Oro Emisfero Nord Italia batte Spagna 12 a 3
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia