mercoledì 22 febbraio | 07:57
pubblicato il 19/apr/2013 13:13

Quirinale: sulla carta Prodi puo' farcela, ma partita resta complicata

Quirinale: sulla carta Prodi puo' farcela, ma partita resta complicata

(ASCA) - Roma, 19 apr - Il centrosinistra assicura compattezza sul nome di Romano Prodi candidato presidente della Repubblica. Ma da solo - conti alla mano - e' impossibile che riesca ad eleggerlo. Nel Transatlantico di Montecitorio, tra i 'grandi elettori' di Pd e Sel, si respira agitazione e si rincorrono calcoli mentre sono in atto trattative per recuperare quella manciata di voti, almeno sei, che mancherebbero per raggiungere il 'numero magico' di 504 voti necessari per il quarto scrutinio.

Il centrosinistra, almeno sulla carta, senza considerare franchi tiratori, puo' contare in partenza su 496 voti che andrebbero a Romano Prodi. Nel dettaglio: 345 sono i deputati (293 del Partito democratico, 37 di Sinistra ecologia e liberta', 15 del Gruppo Misto: 5 dell'Svp-Patt, 4 del Partito socialista italiano, 5 del Centro democratico e uno ex Cd-Misto) e 123 i senatori (109 del Pd, 7 di Sel, 1 della Lista Crocetta e 6 di Svp in Trentino Alto Adige). Inoltre 28 delegati regionali su 58 sono di area centrosinistra. In piu' si potrebbero considerare i voti del senatore a vita, Emilio Colombo, e il senatore eletto in Valle d'Aosta. Il centrosinistra arriverebbe cosi' a 498. In piu', in ambienti del Pd si dice che i tre deputati del Movimento associativo italiani, che ieri hanno votato per Ricardo Merlo (Maie), potrebbero votare Romano Prodi. Questa mattina lo stesso Merlo aveva fatto sapere che alla terza votazione avrebbero votato un candidato del Maie ma ''per la quarta votazione ancora non abbiamo deciso''. In ogni caso, servirebbe un accordo con Scelta Civica o con il Movimento 5 Stelle.

Finora, nulla di buono dalle due trattative avviate.

Il centrodestra puo' contare su 270 'grandi elettori'. Nel dettaglio 126 sono i deputati (97 del Pdl, 19 della Lega Nord e 9 di Fratelli d'Italia) e 117 i senatori (91 del Pdl, 16 della Lega Nord e 10 di Gal-Grandi autonomie e liberta').

Anche il centrodestra puo' contare su 28 delegati regionali.

Scelta civica ha 70 'grandi elettori': 47 deputati e 21 senatori (compreso Mario Monti), piu' due delegati regionali dell'Udc. Se il centrodestra convergesse sulla proposta dei 'montiani' di votare Anna Maria Cancellieri, il ministro dell'Interno otterrebbe 340 voti anche se non e' ancora detto che la Lega Nord la voti.

Il Movimento 5 Stelle conta su 162 voti: 109 deputati e 53 senatori, che andrebbero a Stefano Rodota'.

Resterebbero fuori dal conto 3 'grandi elettori', di cui due senatori a vita (Giulio Andreotti e Carlo Azeglio Ciampi, assenti perche' ''in congedo'', come spiegato dal presidente della Camera, Laura Boldrini), il senatore dimissionario M5S, Giovanna Mangili, iscritto automaticamente nel Gruppo.

ceg/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Pd
Pd, Emiliano: non faccio a Renzi il favore della scissione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia