sabato 25 febbraio | 17:28
pubblicato il 20/apr/2013 11:03

Quirinale: si torna a cercare una soluzione condivisa. Pd nel marasma

Quirinale: si torna a cercare una soluzione condivisa. Pd nel marasma

(ASCA) - Roma, 20 apr - Mattinata di riunioni oggi prima del quinto scrutinio per l'elezione del Presidente della Repubblica. Pier Luigi Bersani, che ha annunciato le dimissioni da segretario del Pd dopo che si sara' eletto il nuovo Presidente, e' andato a Palazzo Chigi per incontrare Mario Monti. Stessa mossa fatta ieri sera da Silvio Berlusconi. Dopo l'affondamento delle candidature di Franco Marini e Romano Prodi a causa dei franchi tiratori presenti nel Pd, la soluzione piu' rapida potrebbe essere quella di eleggere Anna Maria Cancellieri, il ministro degli Interni proposto da Scelta Civica (ieri ha ottenuto 78 voti, piu' del previsto), nome sul quale si e' dichiarato disposto a convergere Berlusconi. Ma il Pd ha annunciato che i propri parlamentari potrebbero votare scheda bianca nel quinto scrutinio per prendere ulteriore tempo rispetto a una decisione definitiva. Stessa decisione da parte di Scelta Civica. Pdl e Lega Nord non parteciperanno al quinto scrutinio. Ieri il Pd ha vissuto la piu' drammatica giornata della sua storia. Dopo i 101 franchi tiratori venuti allo scoperto contro Prodi (395 preferenze contro le 496 che aveva a disposizione da parte del centrosinistra), fondatore dell'Ulivo e tra i fondatori del partito, sono arrivate prima le dimissioni di Rosy Bindi da presidente con una nota (''Non sono stata direttamente coinvolta nelle scelte degli ultimi mesi, ne' consultata sulla gestione della fase post elettorale e non intendo percio' portare la responsabilita' della cattiva prova offerta dal Pd in questi giorni'') e poi quelle di Bersani da segretario. Quest'ultimo usa parole durissime in serata di fronte ai parlamentari riuniti al teatro Capranica: ''Consegnero' le mie dimissioni dopo l'elezione del presidente della Repubblica. Nella situazione che si e' creata bisogna riprendere i contatti con altre forze politiche per impostare la soluzione. Noi da soli il presidente della Repubblica non lo facciamo. Fra di noi uno su quattro ha tradito. Ci sono pulsioni a distruggere il Pd''. Prodi fa arrivare prima della riunione una dichiarazione che e' un atto d'accusa: ''Chi mi ha portato a questa decisione deve farsi carico delle sue responsabilita'''. L'assemblea prosegue in un clima al limite della scissione. Dario Franceschini, ex capogruppo alla Camera, pronuncia piu' o meno le stesse parole di Bersani per allontanare il sospetto che i franchi tiratori alberghino tra gli ex Margherita. Ci sono addirittura applausi quando Bersani annuncia le sue dimissioni. Matteo Orfini, responsabile Cultura del partito, dice che ormai si fa fatica a pensare al Pd come a ''una comunita' solidale di donne e uomini''. Dichiara Andrea orlando, responsabile Giustizia: ''Non so darmi spiegazioni. Penso che ci siano persone che non hanno capito dove sono''. Matteo Renzi non accetta allusioni a cercare i franchi tiratori nella sua area politica: ''A Prodi avevano tutti detto si', hanno fatto l' applausone. Poi hanno fatto il contrario, il giochino dei franchi tiratori che non e' una battaglia a viso aperto. Per tutto il giorno sono stato accusato di sostenere una candidatura, quella di Prodi. Ora l'accusa e' opposta: aver complottato contro la candidatura Prodi. Se non ci fosse di mezzo l'Italia, sarebbe da ridere. Io le cose le dico in faccia, sempre''. Il sindaco di Firenze non si esprime sul che fare: ''Chi sta in Parlamento sappia che sta scherzando con il bene piu' prezioso: la dignita' della politica''. Dall'assemblea dei parlamentari esce la convinzione che il Pd non e' in grado di eleggere un proprio candidato. Le alternative sono varie: confluire sul nome di Rodota' (da oggi lo rivoteranno i grandi elettori di Sel che ieri hanno scelto Prodi), ma in tale eventualita' i cattolici del Pd potrebbe addirittura lasciare il partito perche' considerano Rodota' ''un laicista troppo radicale''; provare a chiedere a Giorgio Napolitano di farsi rieleggere (il no dell'interessato e' noto ma in questo ore, a partire da Silvio Berlusconi, e' nuovamente partito il pressing sul Capo dello Stato), provare a fare un nome condiviso con il Pdl nuovo (Mario Draghi o Piero Grasso?) per non uscire sconfitti con la confluenza su Anna Maria Cancellieri, soluzione offerta al Pd da Monti e Berlusconi. Nichi Vendola, leader di Sel, e' sferzante verso l'alleato di centrosinistra: ''I voti che sono mancati a Prodi vanno cercati nel Pd che paga una evidente divaricazione di linea politica. Se il Pd deve fare il congresso all'interno del processo di selezione del capo dello Stato, ci facciano sapere chi ha vinto. Intanto noi oggi votiamo Rodota'''. Stefano Rodota', candidato del M5S che ieri ha avuto una cinquantina di voti piu' del previsto (250 in totale), rilascia un commento a Rainews24: ''Sono sorpreso ma assolutamente tranquillo. Sono disteso, altrimenti non sarei stato capace di parlare bene, non ho una preoccupazione che mi opprime. Vivo questa situazione con assoluta con tranquillita'''. Beppe Grillo annuncia: ''Nessuno nel M5S si e' mai sognato di votare Prodi e non se lo sognera' nemmeno in futuro''. I due capigruppo del M5S al Senato e alla Camera, Vito Crimi e Roberta Lombardi, continuano a ripetere anche oggi: ''Il Pd spieghi ai propri elettori perche' non vuole Rodota'''. gar/fdv/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrosinistra
D'Alema: con Orlando segretario Pd si riaprirebbe dialogo
Pd
Pd, commissione unanime: primarie 30 aprile. Renziani: via alibi
Pd
Pd, Cuperlo: calendario congresso è errore, voto negativo
Pd
Pd, Rosato: carte bollate? Emiliano si occupi di contenuti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech