martedì 21 febbraio | 11:22
pubblicato il 30/ago/2013 17:49

Quirinale: Marziale, settore sociale mai riconosciuto

(ASCA) - Catanzaro, 30 ago - ''Massimo rispetto per le personalita' che il Capo dello Stato ha inteso premiare, ma ci fosse mai stata una volta che al sociale venisse tributato un merito'': e' quanto dichiara il sociologo Antonio Marziale, presidente dell'Osservatorio sui Diritti dei Minori, in seguito alla nominsa dei senatori a vita che il presidente Giorgio Napolitano ha deliberato.

''Penso - precisa Marziale - a quei medici impegnati nelle missioni umanitarie nei Paesi in difficolta', a quanti sono esposti in prima persona a combattere contro il crimine organizzato e ad altre molteplici personalita' che emergono nell'impegno di soccorso sociale sopperendo a lacune dello Stato da considerarsi indecenti''.

''Siamo felici per il presidente della Repubblica, che si dice contento di avere agito nella massima liberta' politica - conclude il sociologo - ma gli facciamo rispettosamente notare che quando al sociale non vengono riconosciuti meriti cio' significa che il Palazzo e' ancora anni luce distante dal Paese reale''.

red/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
M5s
Vertici M5s a Roma, possibile incontro Grillo-Raggi in Campidoglio
Pd
Enrico Letta: Pd non può finire così, attonito da cupio dissolvi
Pd
Ultime ore per arginare la scissione nel Pd, occhi su Emiliano
Pd
Pd, Rossi: nasceranno nuovi gruppi parlamentari pro governo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia