martedì 17 gennaio | 12:14
pubblicato il 10/apr/2013 18:50

Quirinale: Marcucci (Pd), con diktat per telefono si perde consenso

(ASCA) - Firenze, 10 apr - ''Non so se qualcuno ha davvero ordinato da Roma a qualche consigliere regionale toscano di cambiare orientamento per la scelta dei grandi elettori della regione. Se quella telefonata e' partita davvero, malissimo hanno fatto coloro che hanno risposto, piegandosi ad un diktat che fa male alla Toscana e che ferisce tantissimi elettori e militanti del Pd''. Lo afferma il senatore Andrea Marcucci (Pd) in merito alla vicenda che ha portato all'esclusione di Matteo Renzi dai grandi elettori che concorreranno alla scelta del prossimo Presidente della Repubblica.

''Le primarie a Firenze come in tutta la regione - prosegue il parlamentare - hanno confermato che il vento e' cambiato. Coloro che continuano, telefonando o rispondendo al telefono, a somministrare vecchia politica, possono vincere qualche battaglia tra gli apparati, ma perderanno sempre di piu' il consenso dei cittadini''.

afe/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Conti pubblici
Conti pubblici, blog Grillo: Gentiloni e Padoan si dimettano
Centrodestra
Salvini: se Berlusconi preferisce Renzi, meglio soli al voto
Conti pubblici
Ue sollecita manovra correttiva. Gentiloni vede Padoan
Quirinale
Mattarella da oggi in Grecia in visita ufficiale
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
L'Italia difende Fca dalle accuse tedesche: le sue auto sono in regola
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Ciberfisica, al via sviluppo tecnologie per affidabilità sistemi
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Tempesta di neve in Tunisia: migliaia di auto intrappolate