sabato 25 febbraio | 06:28
pubblicato il 10/apr/2013 15:14

Quirinale: Di Pietro, nuovo presidente sia arbitro sopra le parti

Quirinale: Di Pietro, nuovo presidente sia arbitro sopra le parti

(ASCA) - Roma, 10 apr - ''Che il presidente della Repubblica debba fare l'arbitro al di sopra delle parti e non mettersi a giocare con una squadra e' una cosa sacrosanta. E' uno dei capisaldi della democrazia e della nostra Costituzione. E' altrettanto giusto che sorvegli i poteri dello Stato in modo che nessuno si allarghi troppo e occupi la sfera di uno degli altri poteri: anche questo e' una pietra miliare della democrazia''. E' quanto scrive sul suo blog Antonio Di Pietro.

''Invece non e' affatto sacrosanta, e anzi non e' neppure accettabile, la sola idea che un presidente della Repubblica possa difendere gli interessi legali di un singolo cittadino, poco importa se oltre all'imputato fa anche il capopartito, o possa dargli una mano ostacolando il funzionamento di uno dei poteri dello Stato, quello giudiziario. Lo dico senza peli sulla lingua: io di Silvio Berlusconi e del suo improvviso ravvedimento non mi fido - prosegue Di Pietro -. Non ci credo nemmeno un po' e conosco abbastanza bene cosa ha combinato per sapere che se sceglie, anche in un mazzo di rose, un presidente della Repubblica lo fa perche' spera e pensa di ricavarne un vantaggio personale e privato. Non vuole un presidente al di sopra delle parti. Vuole un presidente ad personam. Dunque se, in ossequio al giusto principio per cui il presidente deve essere di tutti, gli si presentera' una rosa di candidati, quella rosa deve essere selezionata in modo che non ci sia neppure un nome che Berlusconi possa scegliere non nell'interesse pubblico ma di quello privato.

Non sto dicendo che qualche candidato possa essere corrotto o corruttibile.

Pero' ce ne possono essere alcuni che Berlusconi sceglierebbe perche' sa che sui magistrati la pensano come lui e che per la loro storia e biografia condividono il suo punto di vista.

Un presidente cosi' andrebbe bene a Berlusconi e malissimo al Paese. Inoltre, se si dice che il presidente non deve essere di parte ma di tutti, allora deve essere proprio di tutti, non di tutti meno qualcuno. Se si ritiene necessario il semaforo verde del Pdl, allo stesso titolo si deve chiedere al Movimento 5 Stelle un parere vincolante. In caso contrario non avremmo un presidente al di sopra delle parti ma il presidente di una parte sola. Quella della restaurazione e della diga contro il cambiamento''.

com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrosinistra
D'Alema: con Orlando segretario Pd si riaprirebbe dialogo
Ncd
Alfano: i moderati tornino uniti contro il populismo
Governo
Guerini: assurdo legare data primarie Pd a elezioni politiche
Campidoglio
Grillo: forza Virginia, giornalisti rispettino privacy Raggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech