sabato 03 dicembre | 01:33
pubblicato il 10/apr/2013 16:20

Quirinale: 'renziani' all'attacco su no a sindaco 'grande elettore'

Quirinale: 'renziani' all'attacco su no a sindaco 'grande elettore'

(ASCA) - Firenze, 10 apr - Renziani all'attacco sulla decisione del Consiglio regionale della Toscana di non indicare Matteo Renzi tra i tre delegati per l'elezione del nuovo Presidente della Repubblica. L'assemblea oggi ha scelto il presidente della Regione Enrico Rossi, il presidente dell'assemblea Alberto Monaci e per la minoranza il vicepresidente Roberto Benedetti. Ha ottenuto 4 voti Marina Staccioli (gruppo Misto); 2 Marta Gazzarri (capogruppo Idv); 2 Daniela Lastri (Pd) e 2 il sindaco di Firenze, Matteo Renzi. Una scheda nulla, nessuna scheda bianca.

Lo stesso Matteo Renzi, da Trieste, attacca: ''Mi avrebbe fatto piacere rappresentare la mia Regione, come sindaco e anche per il risultato delle primarie Pd in Toscana, ma il gruppo regionale del partito ha scelto in un altro modo e io ne rispetto le decisioni. Io sono uno che parla una lingua sola in modo franco e a volte un po' brutale, altri dicono una cosa in faccia e poi ne fanno un'altra dietro le spalle''. Rincarano la dose i 'renziani': ''Non c'e' niente di nuovo ma molti italiani si chiederanno il perche' di questo no; Matteo e' un leader nazionale, riconosciuto e amato, sarebbe stato naturale che fosse un grande elettore'', ha detto Graziano Delrio, presidente dell'Anci, in un'intervista a Radio Capital.

''Ho visto - ha detto Dario Nardella, ex vicesindaco di Firenze e neodeputato a Tgcom24 - che i consiglieri del gruppo Pd si sono divisi, l'occasione non l'ha persa Renzi ma la Toscana.

L'occasione di avere una figura autorevole in Parlamento, una figura apprezzata non solo in Toscana ma in tutta Italia. Le motivazioni le dovranno spiegare i consiglieri regionali che non hanno votato''.

E se il presidente Pd della Provincia di Pesaro Urbino Matteo Ricci su Twitter parla senza mezzi termini di una ''cazzata'', la deputata Maria Elena Boschi, su Facebook, nota che ''a volte mi sembra proprio che il mio partito faccia fatica a sintonizzarsi con il Paese. Eppure non e' cosi' difficile''.

afe/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari