domenica 22 gennaio | 19:49
pubblicato il 10/apr/2013 16:20

Quirinale: 'renziani' all'attacco su no a sindaco 'grande elettore'

Quirinale: 'renziani' all'attacco su no a sindaco 'grande elettore'

(ASCA) - Firenze, 10 apr - Renziani all'attacco sulla decisione del Consiglio regionale della Toscana di non indicare Matteo Renzi tra i tre delegati per l'elezione del nuovo Presidente della Repubblica. L'assemblea oggi ha scelto il presidente della Regione Enrico Rossi, il presidente dell'assemblea Alberto Monaci e per la minoranza il vicepresidente Roberto Benedetti. Ha ottenuto 4 voti Marina Staccioli (gruppo Misto); 2 Marta Gazzarri (capogruppo Idv); 2 Daniela Lastri (Pd) e 2 il sindaco di Firenze, Matteo Renzi. Una scheda nulla, nessuna scheda bianca.

Lo stesso Matteo Renzi, da Trieste, attacca: ''Mi avrebbe fatto piacere rappresentare la mia Regione, come sindaco e anche per il risultato delle primarie Pd in Toscana, ma il gruppo regionale del partito ha scelto in un altro modo e io ne rispetto le decisioni. Io sono uno che parla una lingua sola in modo franco e a volte un po' brutale, altri dicono una cosa in faccia e poi ne fanno un'altra dietro le spalle''. Rincarano la dose i 'renziani': ''Non c'e' niente di nuovo ma molti italiani si chiederanno il perche' di questo no; Matteo e' un leader nazionale, riconosciuto e amato, sarebbe stato naturale che fosse un grande elettore'', ha detto Graziano Delrio, presidente dell'Anci, in un'intervista a Radio Capital.

''Ho visto - ha detto Dario Nardella, ex vicesindaco di Firenze e neodeputato a Tgcom24 - che i consiglieri del gruppo Pd si sono divisi, l'occasione non l'ha persa Renzi ma la Toscana.

L'occasione di avere una figura autorevole in Parlamento, una figura apprezzata non solo in Toscana ma in tutta Italia. Le motivazioni le dovranno spiegare i consiglieri regionali che non hanno votato''.

E se il presidente Pd della Provincia di Pesaro Urbino Matteo Ricci su Twitter parla senza mezzi termini di una ''cazzata'', la deputata Maria Elena Boschi, su Facebook, nota che ''a volte mi sembra proprio che il mio partito faccia fatica a sintonizzarsi con il Paese. Eppure non e' cosi' difficile''.

afe/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Terremoti
Terremoto, Finocchiaro: Gentiloni pronto a riferire in Parlamento
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4