sabato 21 gennaio | 21:17
pubblicato il 06/dic/2013 12:00

Questori Camera per stop a video deputati in aula, M5S: "casta"

Grillini: "Pd-Pdl e Sc divisi su tutto ma uniti da censura"

Questori Camera per stop a video deputati in aula, M5S: "casta"

Roma, 6 dic. (askanews) - "Il divieto, anche per i parlamentari, di fare riprese in Aula è l'ennesimo, ulteriore, caso e dimostrazione di una politica che censura, si trincera nella sua torre d'avorio e non accetta di essere sottoposta al giudizio dei cittadini". Lo afferma il gruppo del MoVimento 5 Stelle alla Camera, commentando in una nota la proposta di modifica del Regolamento a Montecitorio presentata dai questori Stefano Dambruoso (Scelta Civica), Gregorio Fontana (Fi) e Paolo Fontanelli (Pd). "Gli schieramenti politici, per una volta, ritrovano compattezza e unità d'intenti nel segno di una norma che è chiaramente rivolta contro il MoVimento. Evidentemente il fatto di essere ripresi e svelati, di essere sottoposti a controllo vero e diretto, è per loro troppo doloroso. E quindi - hanno denunciatoi grillini- fanno scattare la censura. Solo contro i video però: quando si tratta di aggressioni fisiche e verbali rivolte contro di noi, l'atteggiamento della casta è di una morbidezza che supera il limite della provocazione". "Tra l'altro - prosegue la nota dei parlamentari M5S- il questore Fontana sulla vicenda afferma che 'stavamo maturando l'idea già da tempo, anche per via di alcuni episodi avvenuti in commissione Cultura'. E cita la commissione Cultura senza ricordare i fatti avvenuti. E allora ci pensiamo noi: in quella sede, alcune settimane fa, è avvenuto un fatto che ha scatenato polemiche: quando è giunto il momento di votare gli emendamenti al Decreto Valore Cultura, quelli del M5S e delle altre opposizioni sono stati bocciati, per alzata di mano, alla velocità della luce: uno ogni due secondi. Questo significa che i provvedimenti sono stati scartati senza entrare nel merito, senza valutare se potessero essere costruttivi, importanti, o altro. Via, carta straccia. Il tutto è stato immortalato attraverso un video girato da un nostro deputato. Ecco di cosa si vergognano i signori: di aver visto smascherato un ridicolo meccanismo della politica che fino a ieri non era accessibile ai cittadini. I signori del falso perbenismo con questo atto, dimostrano la loro vera natura che non ha nulla a che fare con concetti quali 'trasparenza' e 'casa di vetro'".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
Governo
Grasso: legislatura duri fino a 2018 per recuperare tempo perduto
Parma
Pizzarotti: mi ricandido, non lascio un buon lavoro a metà
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4