domenica 04 dicembre | 21:28
pubblicato il 06/mar/2014 15:46

Pubblicita': protocollo Anci-Aip per tutela dignita' donne

(ASCA) - Roma, 6 mar 2014 - ''Bisogna sfavorire e contrastare in ogni modo forme di comunicazione pubblicitaria che tendo ad utilizzare l'immagine della donna in modo non corretto e al contempo incentivare forme che vanno in direzione del rispetto del principio di parita' ed uguaglianza''. Questo il messaggio lanciato dal Presidente dell'Anci Piero Fassino alla sigla del Protocollo d'intesa tra l'Anci e dall'Istituto dell'Autodisciplina Pubblicitaria Iap firmato questo pomeriggio presso la sede dell'Associazione. L'intesa sancisce la collaborazione dei due enti a tutela della dignita' femminile e del rispetto del principio di pari opportunita', adottando modelli di comunicazione commerciale che non contengono immagini o rappresentazioni di violenza contro le donne. La sinergia tra Anci e Iap e', inoltre, finalizzata ad ampliare l'efficacia dell'autodisciplina estendendone il controllo su quelle affissioni pubblicitarie locali che a volte sono escluse dall'ambito di competenza dello Iap. ''Questo protocollo rappresenta un grande punto di partenza per contrastare con attenzione e tempestivita' le pubblicita' lesive della dignita' femminile e con l'intervento dell'Anci, i comuni avranno l'opportunita' di regolamentare le affisioni pubblicitarie locali utilizzando gli strumenti offerti dall'autodisciplina pubblicitaria'', ha detto Vincenzo Guggino, Segretario generale Iap. ''L'anello debole della nostra giurisdizione - ha aggiunto Guggino - e' per certi versi l'affissione locale riferita ai piccoli inserzionisti che auspichiamo siano raggiunti e sensibilizzati al rispetto del Codice di autodisciplina anche dall'azione dei Comuni ''. Altro passaggio importante del protocollo riguarda la volonta' di stimolare gli inserzionisti pubblicitari che utilizzano le affissioni locali ad adottare modelli di comunicazione commerciale che tutelino la dignita' della donna nel rispetto del principio di pari opportunita' e propongano una rappresentazione dei generi coerente con l'evoluzione dei ruoli nella societa' scevra dal ricorso a stereotipi offensivi. In questo senso, l'Anci invitera' i Comuni a riformare la propria regolamentazione in materia di pubbliche affissioni e trasmettere allo Iap, anche su segnalazione dei cittadini, le comunicazioni che si ritengono lesive alla dignita' della donna; da parte sua lo Iap si impegna, attraverso il proprio Comitato di Controllo, a esaminare celermente le segnalazioni per limitare le comunicazioni commerciali in contrasto con il codice di autodisciplina. ''Nella diffusione sul territorio sara' molto importante l'azione congiunta con le delegazioni regionali dell'Associazione, per sensibilizzare le amministrazioni locali ad affrontare questi argomenti nel modo piu' giusto e utile per tutti'', ha commentato la delegata Anci alle pari opportunita' Alessia De Paulis. ''In questo senso - ha concluso De Paulis - pensiamo all'attivazione di tavoli tecnici con le associazioni di categoria per trovare, insieme, un punto di accordo su una corretta rappresentazione del corpo femminile''. res/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, Viminale assicura: matite copiative sono indelebili
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari