sabato 21 gennaio | 18:32
pubblicato il 29/lug/2013 14:32

Province: Verrengia, su tagli governi miopi e antidemocratici

Province: Verrengia, su tagli governi miopi e antidemocratici

(ASCA) - Roma, 29 lug - ''Il rischio ormai e' evidente: per quanto concerne i tagli alle province il governo sta producendo una riforma dettata dall' improvvisazione e da una generica e incontrollata spinta a tagliare enti territoriali impugnando la scure li' dove, invece, andrebbe fatta una riflessione razionale, preservando sia l'organicita' del sistema delle autonomie locali che la partecipazione attiva dei cittadini''. E' quanto ha dichiarato in una nota Emilio Verrengia, segretario generale aggiunto dell'Aiccre e vicepresidente del congresso dei poteri locali del consiglio d'Europa (Cplre).

Per Verrengia, ''il governo sta operando in una quadro di illegittimita': manca un quadro di riferimento certo: il ddl governativo interviene come se gia' ci fosse una riforma costituzionale''. E' incredibile, prosegue Verrengia, che ''attraverso campagne politiche demagogiche e non sostenute da fatti, di fronte alla moltiplicazione di comunita', consorzi, enti, l'ente provincia sia divenuto il male assoluto del Paese, la vittima sacrificale sull'altare dei costi della politica''.

Mentre in Europa l'Ente intermedio ha un ruolo forte e vitale di programmazione territoriale, ''in Italia si pensa ad aggravare i Comuni, gia' in evidente crisi, di funzioni che non potranno assolvere''. ''Se venisse abolito l'Ente intermedio istituzionale, assisteremmo ad un proliferare di soggetti intermedi di tipo settoriale, peraltro referenti ad ambiti territoriali: questo genererebbe il caos, altro che risparmio sui costi''. Le Province, afferma il dirigente dell'AICCRE, ''non sono il male del Paese: e' il sistema degli Enti locali nel suo complesso che va rivisto.

Ragioniamo su Comuni, Province e Regioni in termini ponderati e di organicita'. Fino ad oggi questo da parte degli ultimi governi non si e' visto: piuttosto si e' pensato a proporre di tagliare per dare un contentino ai cittadini. Ma non e' certo questa la strada che conduce ad una Riforma di alto profilo ed all'altezza dell'Europa''.

red/res

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
Governo
Grasso: legislatura duri fino a 2018 per recuperare tempo perduto
M5s
Ue, Grillo: Alde? Si vergogni chi si è rimangiato la parola data
Fi
Fi: sostegno Berlusconi a Prodi? Accuse Salvini paradossali
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4