martedì 17 gennaio | 06:24
pubblicato il 06/giu/2013 16:13

Province: Upi incontra parlamentari, comincia percorso comune

(ASCA) - Roma, 6 giu - Hanno risposto tutti gli oltre 80 parlamentari che avevano sottoscritto il manifesto dell'Upi per la XVII legislatura, e si sono riuniti oggi a Roma in un incontro con l'Ufficio di Presidenza Upi e i Presidenti delle Upi Regionali per discutere delle riforme istituzionali in vista dell'avvio dei lavori parlamentari sui disegni di legge costituzionale.

''Un incontro - sottolinea il Presidente dell'Upi Antonio Saitta - che e' il punto d'avvio di un lavoro comune con i deputati e i senatori che hanno deciso di affrontare il tema delle riforme istituzionali partendo dai dati reali e di dare peso a merito e sostanza piuttosto che farsi trascinare dall'onda della propaganda. Tanto che - annuncia Saitta - i parlamentari che sono intervenuti oggi hanno deciso di istituire un intergruppo che si occupera' di seguire la riforma delle Province e delle istituzioni''.

Agli oltre 80 senatori e deputati che sono intervenuti all'incontro l'Upi ha consegnato un Dossier sulla riforma delle istituzioni che affronta i nodi della spesa pubblica.

''Quando si parla di riformare le istituzioni - ha detto il Presidente dell'Upi - si tende a trascurare dati importanti.

Le Province sono l'1,26% della spesa totale, contro il 20% delle Regioni e il restante che e' in capo alla spesa centrale. Cosi' come ci si dimentica dei 3127 enti strumentali, agenzie, Ato, Bacini Imbriferi Montani, che nel 2012 sono costati ai cittadini piu' di 7,4 miliardi di euro.

Nessuno si interroga sul perche' le Regioni Ordinarie costino 404 euro l'anno a cittadino, mentre quelle a Statuto speciale arrivino ad oltre 4 mila euro l'anno pro capite. Eppure questi dati sono pubblici. Ci chiediamo se chi continua a sostenere che bisogna cancellare il costo degli organi istituzionali delle Province sappia che questo e' di 1,77 euro l'anno a cittadino, contro gli oltre 14 euro l'anno delle Regioni. Per questo, per portare sul tavolo i dati reali cui pochi sembrano volersi interessare, abbiamo deciso di continuare a realizzare Dossier che invieremo regolarmente a tutto il parlamento, ai partiti, al Governo. Riformare le istituzioni per ridurre la spesa e' indispensabile, ma per fare una operazione che porti risultati veri, bisognerebbe prima indagare il motivo per cui, a dieci anni dall'attuazione del Titolo V la spesa delle Regioni e' cresciuta di 40 miliardi e quella dello Stato, piuttosto che diminuire, e' cresciuta di 100 miliardi. E' in queste cifre, e nel federalismo mancato che non ha spostato su Province e Comuni funzioni e risorse- conclude Saitta - che stanno gli sprechi''. com/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Bersani: Renzi non ha capito lezione, così si sbatte di nuovo
Conti pubblici
Conti pubblici, blog Grillo: Gentiloni e Padoan si dimettano
Centrodestra
Salvini: se Berlusconi preferisce Renzi, meglio soli al voto
Conti pubblici
Ue sollecita manovra correttiva. Gentiloni vede Padoan
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
L'Italia difende Fca dalle accuse tedesche: le sue auto sono in regola
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, ripartono lavori prolungamento M1 fino a Monza Cinisello