lunedì 05 dicembre | 00:02
pubblicato il 21/dic/2013 17:49

Province: Saitta (Upi), leso diritto voto. Pronti a ricorso

(ASCA) - Roma, 21 dic - ''La Legge di stabilita', vietando ai cittadini di votare chi li amministrera', lede il diritto di voto libero, segreto, e non limitabile, sancito dall'articolo 48 della Costituzione, che lo definisce anche un dovere civico. Contro la lesione di questo diritto inalienabile di cittadinanza, l'Upi presentera' ricorso e il primo, da privato cittadino, sara' il mio''. Lo dichiara in una nota il presidente dell'Upi, Antonio Saitta, a proposito delle norme previste dalla Legge di Stabilita' che impediscono le elezioni delle 52 Province i cui mandati scadranno nella primavera 2014 e delle 20 commissariate ormai dal 2012 .

''Il Parlamento - commenta Saitta - ha deciso di impedire libere elezioni e di non permettere ai cittadini di scegliere con il proprio voto chi dovra' essere ad amministrarli, sostituendo a tempo indefinito gli organi eletti con commissari nominati. Tanto piu' che non c'e' nessun risparmio dalla cancellazione delle elezioni delle Province visto che, svolgendosi insieme a quelle europee e comunali, la spesa per lo Stato sarebbe stata la stessa. E' un segnale gravissimo, contro cui ci opporremo in ogni modo. Ed e' del tutto incoerente che un Parlamento, da cui ogni giorno si levano grida, giustamente, di scandalo contro il 'porcellum' che non consente ai cittadini di scegliere chi eleggere, decide di sostituire la democrazia con i commissari''.

''Saro' io - aggiunge -, da privato cittadino a presentare il primo dei ricorsi perche' non posso accettare che chi mi governera', chi prendera' decisioni su come dovra' essere amministrato il territorio in cui vivo, sia stabilito attraverso scelte meramente spartitorie all'interno dei partiti politici. Una decisione, la mia, che non potra' essere strumentalizzata da nessuno, poiche' sono al termine del mio secondo mandato e quindi non ricandidabile. Il Governo e il Parlamento possono decidere di svuotare le Province di creare una miriade di nuovi enti, ma non possono impedirmi di scegliere con il voto libero chi mi amministrera'''.

com-drc/vlm/ss

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Riforme
Referendum,Centro-Nord spinge affluenza oltre 60%,Sud sotto il 50%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari