domenica 26 febbraio | 00:10
pubblicato il 04/lug/2013 15:35

Province: Saitta, inaccettabili parole disprezzo verso chi ci lavora

(ASCA) - Roma, 4 lug - ''Caro Merlo, che il dibattito sulle Province scateni costantemente le peggiori energie e faccia emergere toni populisti e' da decenni il tormentone non solo estivo piu' in voga. Ma l'acrimonia, il rancore, la sciatteria e il disprezzo che Lei ha usato oggi sulle pagine di Repubblica contro chi ogni giorno nelle Province lavora e' francamente inaccettabile''. Cosi' scrive il Presidente dell'Upi, Antonio Saitta, in una lettera a 'Repubblica', rispondendo all'editoriale pubblicato oggi dal quotidiano firmato da Francesco Merlo. ''Nelle Province, componenti dello Stato a pari dignita' delle altre istituzioni (ma con molta piu' storia ad esempio delle Regioni) - scrive Saitta - lavorano 56 mila persone che sono servitori dello Stato e meritano rispetto esattamente come tutti coloro i quali nel nostro tormentato paese hanno ancora la sorte fortunata di avere un lavoro. Lo fanno con orgoglio, con lealta', con la schiena dritta, nonostante siano stati in questi anni additati come inutili, spreconi, buoni a nulla. Conosce qualcuno di questi dipendenti? ha per caso idea di chi lavora nelle Province? Lo sa ad esempio che il personale delle Province e' quello in cui il rapporto tra dirigenti e funzionari e' il piu' virtuoso dell'amministrazione pubblica? Sa che tra questi dipendenti c'e' una percentuale altissima di giovani laureati, che sono ingegneri, geometri, progettisti, programmatori perche' le funzioni che svolgono le Province - ma le insiste ad ignorarle - hanno bisogno di alte professionalita'? E' informato del fatto che gli stipendi dei dipendenti delle Province non hanno nulla a che fare con quelli di altri comparti dello Stato e che il loro contratto e' meno oneroso di quello delle Regioni per non parlare dei dipendenti di Camera e Senato? Se proprio vuole continuare ad indulgere nel qualunquismo, si limiti a gettare i suoi strali contro la politica e gli amministratori - e glielo chiedo io che li rappresento indegnamente tutti - ma per favore eviti di usare questi stessi toni per i dipendenti.

Tra loro sicuramente potra' anche reperire qualche pecora nera, come ovunque (immagino perfino nel Suo quotidiano) ma cerchi di credere se Le dico che i tantissimi altri non meritano questo trattamento. Quelli che lavorano con dedizione e passione sono una risorsa del nostro Paese - conclude Saitta - anche se ai vostri occhi figurano come novelli Malausse'ne, di ''professione capro espiatorio''.

com/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Errani lascia Pd: ora nuova avventura, ma ci ritroveremo
Sinistra
Lavoro, scuola, ambiente: abito classico per la sinistra ex Pd
Pd
Pd, Rosato: carte bollate? Emiliano si occupi di contenuti
Governo
Napolitano: equilibrio Gentiloni punto fermo da salvaguardare
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech