martedì 24 gennaio | 04:31
pubblicato il 08/nov/2013 12:46

Province: Saitta chiede incontro a Napolitano. 'Condivisione su riforme'

Province: Saitta chiede incontro a Napolitano. 'Condivisione su riforme'

(ASCA) - Roma, 8 nov - Verificare la possibilita' di riprendere un percorso di riordino istituzionale condiviso da tutte le istituzioni costitutive della Repubblica. Questa la motivazione della richiesta di incontro contenuta in una lettera che il Presidente dell'Upi, Antonio Saitta, ha inviato al Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, massimo garante della Costituzione e dell'unita' nazionale.

''Le Province - scrive Saitta - hanno sempre ribadito la loro volonta' di dare un contributo positivo al riordino delle istituzioni pubbliche, attraverso concrete proposte per l'istituzione delle Citta' metropolitane, la riduzione del numero delle Province, il riordino degli uffici periferici dello Stato e la soppressione degli enti intermedi, che possono portare a consistenti risparmi di spesa e, soprattutto, ad una sensibile semplificazione della pubblica amministrazione, nel rispetto dei principi costituzionali''.

Ma il percorso deve essere coerente con la Costituzione vigente e non puo' procedere per strappi ''destinati a produrre danni profondi e duraturi sulla nostra democrazia locale. ''Ci rivolgiamo a lei - scrive Saitta a Napolitano - che in questi mesi ha piu' volte ribadito la necessita' che le forze politiche trovino un'intesa sulle riforme essenziali per consentire all'Italia di riordinare il suo sistema istituzionale e renderlo piu' funzionale, nel rispetto dei principi fondamentali della Costituzione, attraverso la riforma del sistema parlamentare, la revisione del titolo V, l'approvazione di una nuova legge elettorale. Richiami - ha concluso Saiita - che abbiamo sinceramente apprezzato, ritenendo che il riordino delle istituzioni provinciali debba essere coerentemente collocato nel percorso di riforme che il Parlamento proprio in questi giorni sta definendo, attraverso l'istituzione del comitato parlamentare per le riforme costituzionali ed elettorali''.

Nel testo, il Presidente dell'Upi ricorda la recente sentenza della Corte Costituzionale, che ha bocciato le ultime riforme ai danni delle Province, che ''ha chiarito che riforme istituzionali di tale portata non possono essere approvate frettolosamente con la decretazione d'urgenza, ma hanno bisogno di una riflessione approfondita che tenga conto delle garanzie che la Costituzione pone a tutela delle istituzioni costitutive della Repubblica. Occorre pertanto evitare che, sulla base di un'urgenza non giustificata, siano approvate norme di riforma dell'ordinamento delle Province che, oltre a introdurre elementi di ulteriore caos normativo in attesa di una piu' complessiva riforma delle istituzioni, potrebbero essere in contrasto con le disposizioni costituzionali e con i principi della carta europea delle autonomie locali, soprattutto per quel che riguarda le funzioni delle Province e la legittimazione democratica degli organi di governo delle Province e delle Citta' metropolitane''.

res/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nega tensione Renzi-Gentiloni su Agcom:non c'è inciucio con Fi
Conti pubblici
Berlusconi: nuova manovra? Rimasti conti da pagare di Renzi
M5s
Di Maio: né Salvini né Meloni, non facciamo alleanze
L.elettorale
Salvini: Consulta deve consentire di andare a elezioni a maggio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4