martedì 21 febbraio | 22:26
pubblicato il 08/nov/2013 12:46

Province: Saitta chiede incontro a Napolitano. 'Condivisione su riforme'

Province: Saitta chiede incontro a Napolitano. 'Condivisione su riforme'

(ASCA) - Roma, 8 nov - Verificare la possibilita' di riprendere un percorso di riordino istituzionale condiviso da tutte le istituzioni costitutive della Repubblica. Questa la motivazione della richiesta di incontro contenuta in una lettera che il Presidente dell'Upi, Antonio Saitta, ha inviato al Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, massimo garante della Costituzione e dell'unita' nazionale.

''Le Province - scrive Saitta - hanno sempre ribadito la loro volonta' di dare un contributo positivo al riordino delle istituzioni pubbliche, attraverso concrete proposte per l'istituzione delle Citta' metropolitane, la riduzione del numero delle Province, il riordino degli uffici periferici dello Stato e la soppressione degli enti intermedi, che possono portare a consistenti risparmi di spesa e, soprattutto, ad una sensibile semplificazione della pubblica amministrazione, nel rispetto dei principi costituzionali''.

Ma il percorso deve essere coerente con la Costituzione vigente e non puo' procedere per strappi ''destinati a produrre danni profondi e duraturi sulla nostra democrazia locale. ''Ci rivolgiamo a lei - scrive Saitta a Napolitano - che in questi mesi ha piu' volte ribadito la necessita' che le forze politiche trovino un'intesa sulle riforme essenziali per consentire all'Italia di riordinare il suo sistema istituzionale e renderlo piu' funzionale, nel rispetto dei principi fondamentali della Costituzione, attraverso la riforma del sistema parlamentare, la revisione del titolo V, l'approvazione di una nuova legge elettorale. Richiami - ha concluso Saiita - che abbiamo sinceramente apprezzato, ritenendo che il riordino delle istituzioni provinciali debba essere coerentemente collocato nel percorso di riforme che il Parlamento proprio in questi giorni sta definendo, attraverso l'istituzione del comitato parlamentare per le riforme costituzionali ed elettorali''.

Nel testo, il Presidente dell'Upi ricorda la recente sentenza della Corte Costituzionale, che ha bocciato le ultime riforme ai danni delle Province, che ''ha chiarito che riforme istituzionali di tale portata non possono essere approvate frettolosamente con la decretazione d'urgenza, ma hanno bisogno di una riflessione approfondita che tenga conto delle garanzie che la Costituzione pone a tutela delle istituzioni costitutive della Repubblica. Occorre pertanto evitare che, sulla base di un'urgenza non giustificata, siano approvate norme di riforma dell'ordinamento delle Province che, oltre a introdurre elementi di ulteriore caos normativo in attesa di una piu' complessiva riforma delle istituzioni, potrebbero essere in contrasto con le disposizioni costituzionali e con i principi della carta europea delle autonomie locali, soprattutto per quel che riguarda le funzioni delle Province e la legittimazione democratica degli organi di governo delle Province e delle Citta' metropolitane''.

res/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Campidoglio
Grillo: ammetto le colpe a Roma, ma andiamo avanti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia