martedì 17 gennaio | 19:07
pubblicato il 28/ott/2013 16:17

Province: Saitta a Delrio, con riforma spesa aumenta di 2 mld

(ASCA) - Roma, 28 ott - ''Il disegno di Legge del Governo sulle Province costera' al Paese una spesa di almeno 2 miliardi, soldi che invece che essere destinati ai servizi andranno tutti sprecati in nuova burocrazia. Sono questi i dati che andrebbero evidenziati, ma su cui evidentemente si preferisce tacere''. Lo dichiara il Presidente dell'Upi, Antonio Saitta, commentando l'intervista rilasciata oggi al quotidiano 'La Repubblica' dal Ministro delle Regioni e delle Autonomie Graziano Delrio. ''Noi abbiamo dimostrato che il solo passaggio delle 5000 scuole superiori delle Province ai Comuni, costera' 645 milioni di euro in piu' per il riscaldamento scolastico, la manutenzione ordinaria e straordinaria degli edifici e la progettazione, direzione lavori e collaudo delle opere. Un aumento di spesa che si tradurra' in minori risorse per la manutenzione, la messa in sicurezza e la gestione delle scuole. Ancora piu' salato sarebbe il conto se le funzioni delle Province tornassero alle Regioni: l'aumento sarebbe di 1,4 miliardi. Quindi il Paese pagherebbe 2 miliardi di euro per la riforma delle Province, che non produce risparmi se non i 32 milioni di tagli della politica. Dalle risposte del Ministro - aggiunge Saitta - emerge il grande caos sul futuro dei servizi essenziali: nessuno continua a spiegare chi li garantira', con quali risorse e con quale personale. Nella legge di stabilita' 2014 nessun capitolo di spesa e' riservato alla copertura dei costi che deriveranno da questa abolizione. Che oggi sul quotidiano la Repubblica e' chiamata abolizione: due giorni prima ci era stato detto che si trattava di un grosso equivoco e che quella delle Province era solo una rimodulazione. Anche qui, le contraddizioni dimostrano una grande confusione che non puo' essere la base di partenza di una riforma che interviene a destrutturare l'intero assetto di amministrazione dei territori. Quello che e' evidente dalle parole del Ministro Delrio - conclude Saitta - e' che nessuno crede di riuscire a fare la riforma costituzionale: le Province, dunque, saranno svuotate anche a costo di spendere 2 miliardi, ma i parlamentari non saranno dimezzati, non si ridurranno gli uffici periferici dello Stato che sono una delle voci di spesa piu' alta della pubblica amministrazione, ne' tantomeno si taglieranno le oltre 7.800 societa' strumentali con i bilanci in rosso che ci costano 19 miliardi solo in personale''.

rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Quirinale
Mattarella da oggi in Grecia in visita ufficiale
Nato
Mattarella:Nato straodinariamente importante per pace e sicurezza
M5s
Nasce Sharing Rousseau, Di Maio: "Intelligenza collettiva M5s"
Centrodestra
Salvini sfida Berlusconi su leadership. Cav: io ancora decisivo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa