sabato 03 dicembre | 07:50
pubblicato il 28/ott/2013 16:17

Province: Saitta a Delrio, con riforma spesa aumenta di 2 mld

(ASCA) - Roma, 28 ott - ''Il disegno di Legge del Governo sulle Province costera' al Paese una spesa di almeno 2 miliardi, soldi che invece che essere destinati ai servizi andranno tutti sprecati in nuova burocrazia. Sono questi i dati che andrebbero evidenziati, ma su cui evidentemente si preferisce tacere''. Lo dichiara il Presidente dell'Upi, Antonio Saitta, commentando l'intervista rilasciata oggi al quotidiano 'La Repubblica' dal Ministro delle Regioni e delle Autonomie Graziano Delrio. ''Noi abbiamo dimostrato che il solo passaggio delle 5000 scuole superiori delle Province ai Comuni, costera' 645 milioni di euro in piu' per il riscaldamento scolastico, la manutenzione ordinaria e straordinaria degli edifici e la progettazione, direzione lavori e collaudo delle opere. Un aumento di spesa che si tradurra' in minori risorse per la manutenzione, la messa in sicurezza e la gestione delle scuole. Ancora piu' salato sarebbe il conto se le funzioni delle Province tornassero alle Regioni: l'aumento sarebbe di 1,4 miliardi. Quindi il Paese pagherebbe 2 miliardi di euro per la riforma delle Province, che non produce risparmi se non i 32 milioni di tagli della politica. Dalle risposte del Ministro - aggiunge Saitta - emerge il grande caos sul futuro dei servizi essenziali: nessuno continua a spiegare chi li garantira', con quali risorse e con quale personale. Nella legge di stabilita' 2014 nessun capitolo di spesa e' riservato alla copertura dei costi che deriveranno da questa abolizione. Che oggi sul quotidiano la Repubblica e' chiamata abolizione: due giorni prima ci era stato detto che si trattava di un grosso equivoco e che quella delle Province era solo una rimodulazione. Anche qui, le contraddizioni dimostrano una grande confusione che non puo' essere la base di partenza di una riforma che interviene a destrutturare l'intero assetto di amministrazione dei territori. Quello che e' evidente dalle parole del Ministro Delrio - conclude Saitta - e' che nessuno crede di riuscire a fare la riforma costituzionale: le Province, dunque, saranno svuotate anche a costo di spendere 2 miliardi, ma i parlamentari non saranno dimezzati, non si ridurranno gli uffici periferici dello Stato che sono una delle voci di spesa piu' alta della pubblica amministrazione, ne' tantomeno si taglieranno le oltre 7.800 societa' strumentali con i bilanci in rosso che ci costano 19 miliardi solo in personale''.

rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari