domenica 22 gennaio | 15:31
pubblicato il 26/mar/2014 19:58

Province: ok Senato con 160 si' e 133 no a fiducia e ddl ... (1 upd)

(ASCA) - Roma, 26 mar 2014 - Con 160 voti a favore, 133 contrari e nessun astenuto l'assemblea del Senato ha approvato la fiducia e il maxiemendamento del governo interamente sostitutivo del ddl Delrio sul taglio delle province. Il provvedimento, essendo stato modificato nel passaggio legislativo al Senato, torna ora alla Camera in terza lettura.

Politicamente il ddl ha evidenziato forti criticita' da parte di alcuni senatori del gruppo Per l'Italia, che al momento del voto si e' spaccato. Tito Di Maggio e Maurizio Rossi hanno annunciato nelle loro dichiarazioni in Aula il loro dissenso. Il primo non ha partecipato al voto, il secondo ha invece votato no. Il resto del gruppo non ha nascosto scontento (''Avremmo auspicato un provvedimento piu' incisivo'' spiegava il capogruppo Lucio Romano), ma alla fine ha optato per la linea della ''responsabilita'''. Tiepido anche il sostegno del gruppo di Scelta civica, soprattutto nel merito (''Ci sono criticita' che non possiamo non vedere'' osservava il capogruppo Gianluca Susta), mentre si conferma il sostegno al governo con il si' alla fiducia.

Il resto della maggioranza ha assicurato invece pieno appoggio tanto al provvedimento quanto alla sua cifra politica piu' ampia. ''Il ddl Delrio sulle province e' il primo tassello di un complesso di riforme istituzionali che dimostrano che c'e' una forte idea di cambiamento. E quanto il processo di riforme istituzionali sara' terminato, la forma dello Stato itlaiano dara' diversa'' apprezzava il presdiente dei senatori Pd, Luigi Zanda. D'accordo con lui il senatore Ncd, Antonio D'Ali': ''E' il primo gradino nella scala delle riforme che ci accingiamo a scalare''.

Di segno opposto le opposizioni: da M5S a Sel, dalla Lega Nord a Fi e Gal. Per la senatrice Fi, Anna Maria Bernini si tratta di ''ulteriore raggiro di pubblicita' ingannevole di Renzi nei confronti degli italiani'', per Giovanni Mauro di Gal ''dal premier viene solo propaganda'', i leghisti annunciano l'immediato avvio di un referendum per l'abolizione delle prefetture, Sel e M5S rimarcano che il provvedimento ''aggiunge enti e poltrone anziche' eliminarli''. njb

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Parma
Pizzarotti: mi ricandido, non lascio un buon lavoro a metà
Terremoti
Terremoto, Finocchiaro: Gentiloni pronto a riferire in Parlamento
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4