martedì 17 gennaio | 06:54
pubblicato il 26/mar/2014 20:21

Province: Martini (Pd), si' convinto, e' primo passo del piano riforme

Province: Martini (Pd), si' convinto, e' primo passo del piano riforme

(ASCA) - Roma, 26 mar 2014 - ''Diamo la fiducia al ddl sulle province con convinzione, con la consapevolezza della responsabilita' di questo gesto e con la serieta' di chi si fa carico dei suoi doveri di governo, perche' vogliamo fortemente che il cammino delle riforme vada avanti e sosteniamo l'ispirazione generale e la direzione di marcia del presidente del Consiglio e dell'esecutivo su questo tema.

Il Parlamento, e il Senato soprattutto, deve dare al Paese il messaggio che su questi temi sensibili non rinvia, non s'impantana, non arretra dalle sue responsabilita'. Di fronte a critiche sono state spesso strumentali, noi stiamo dalla parte di chi guarda ai doveri del governare, facciamo la nostra scelta di campo. E questo e' il primo passo del piano delle riforme''. Lo ha detto il senatore Claudio Martini, vicepresidente del gruppo del Pd, nella sua dichiarazione di voto. ''Nel no a questo ddl - ha proseguito - si sono ritrovate opinioni diverse: no perche' non cambia niente, no perche' si aggredisce la democrazia, no perche' non abolisce le province, no perche' abolite le province quando il problema e' tutt'altro. Oggi e' preminente il messaggio politico: se non interveniamo tutto si ferma, significa che non c'e' modo di uscire dalla palude. Nel merito, riconosciamo l'importanza del lavoro di riscrittura fatto dalla commissione. Certo, non e' provvedimento organico, ed e' questo un elemento presente anche al governo. Ma sicuramente e' un primo passo: abbiamo definito le funzioni di area vasta, e' stato evitato il paradosso di dovere votare e poi sciogliere i consigli; abbiamo creato le condizioni per far partire le citta' metropolitane, abbiamo lavorato per le unioni comunali.

Riorganizziamo i poteri locali e territoriali, superiamo le disfunzioni e gli sprechi, ma non per mortificare l'autonomia, non perche' vogliamo piu' centralismo, ma perche' l'autonomia sia piu' utile al Paese. L'autonomia non e' un lusso, ma il cuore dell'articolo 5 della Costituzione''. com-njb

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Bersani: Renzi non ha capito lezione, così si sbatte di nuovo
Conti pubblici
Conti pubblici, blog Grillo: Gentiloni e Padoan si dimettano
Centrodestra
Salvini: se Berlusconi preferisce Renzi, meglio soli al voto
Conti pubblici
Ue sollecita manovra correttiva. Gentiloni vede Padoan
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
L'Italia difende Fca dalle accuse tedesche: le sue auto sono in regola
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, ripartono lavori prolungamento M1 fino a Monza Cinisello