giovedì 08 dicembre | 00:15
pubblicato il 04/nov/2013 11:57

Province: Censis, con abolizione anche gestione scuole piu' costosa

(ASCA) - Roma, 4 nov - ''Le Province sono le istituzioni piu' adeguate per dare identita' e governo all'area vasta''. Lo evidenzia la ricerca del Censis, dal titolo ''Rileggere i territori per dare identita' e governo all'area vasta. Dalla mappatura del territorio nazionale una ridefinizione delle funzioni di governo intermedio'', che verra' presentata domani nel corso dell'Assemblea generale delle Province al Teatro Quirino a Roma. Dallo studio emerge che le stesse ragioni che sostengono la costituzione del nuovo ente ''citta' metropolitana'' valgono per la gran parte dei territori delle attuali province italiane. Province oggi governate da enti che si vogliono invece abolire o privare di reali funzioni di governo. ''Ma tali funzioni di governo non possono essere frammentate, distribuite in capo ai Comuni che di volta in volta dovrebbero trovare un accordo per gestire servizi o reclamare politiche''. Il caso piu' emblematico e' quello delle scuole superiori: ''Se la loro gestione passasse ai Comuni - puntualizza il Censis - oltre a una riduzione delle economie di scala nel campo della manutenzione, si presenterebbero sicuramente altri problemi.

Solamente il 18,3% dei Comuni italiani ha sul proprio territorio almeno una delle 7.036 scuole superiori (ubicate in circa 5.000 edifici scolastici). Trasferendo le competenze ai Comuni si determinerebbe una moltiplicazione dei soggetti di gestione: da 107 Province che si occupano degli edifici ospitanti le scuole superiori (in media, 65 scuole per Provincia) si passerebbe a 1.484 Comuni che intervengono nella gestione di 4,7 scuole in media ciascuno, dovendo trovare l'accordo e ripartire gli oneri con una media di 9,8 Comuni. In definitiva, oggi un ente - la Provincia - gestisce 65 istituti superiori, con tutte le economie di scala connesse e la possibilita' di realizzare una programmazione formativa. Domani - senza le Province - i Comuni sede di istituti superiori si troveranno a gestire in media solo 5 scuole e dovranno condividere scelte e costi con il loro bacino d'utenza in media di 10 altri Comuni. Nella sola Provincia di Napoli, ad esempio, la parcellizzazione porterebbe a un reclutamento gestionale di ben 69 diversi enti''. La ricerca del Censis dimostra poi che ''il 75,7% dei 686 Sistemi locali del lavoro (Sll) italiani, ossia sistemi a forte coerenza e connessione tra residenza e attivita' lavorativa, si colloca all'interno del perimetro di un'unica provincia. Anche i distretti produttivi del Paese operano su cluster comunali che per la gran parte interessano il territorio di una sola provincia (64,3%) o al massimo di due province (25%). E le eccellenze territoriali del Paese, sia sotto il profilo dell'attivita' produttiva manifatturiera (il made in Italy) che della capacita' di attrarre flussi turistici (i brand di maggiore prestigio), si insediano per la gran parte dentro i confini delle attuali circoscrizioni provinciali (rispettivamente, il 56,3% e il 70,8%)''. Un altro esempio, la gestione e manutenzione della rete stradale provinciale (pari al 72,3% della rete viaria complessiva): ''Si tratta - avverte il Censis - di un'attivita' che non puo' basarsi su asettici automatismi''.

mpd/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fi
Fi, Berlusconi ricoverato. Zangrillo: stress, a breve dimesso
Pd
Pd, Orfini: ok sostegno militanti ma sia senza rabbia
L.Bilancio
L.Bilancio, governo pone fiducia in aula Senato su art.1
Governo
Consultazioni Mattarella fino a sabato, chiudono Fi M5s e Pd
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni